Torna a battere il cuore sonoro di Umbria Jazz
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Torna a battere il cuore sonoro di Umbria Jazz

Dieci giorni di musica jazz e non solo: prende il via domani Umbria Jazz 2017, senza dubbio il più importante festival jazzistico italiano e uno dei maggiori a livello internazionale. In linea con le ultime edizioni, anche quest’anno la formula prevede nella location principale, l'Arena Santa Giuliana, gli eventi di maggiore richiamo, dal rock al jazz. Nel teatro Morlacchi andranno in scena i concerti più specialistici, mentre una preziosa sezione di mezzogiorno sarà ospitata nel più prestigioso contenitore d'arte e di storia della città, la Galleria Nazionale dell'Umbria. Per il secondo anno consecutivo Umbria Jazz porta infatti la sua musica nella sala Podiani. Il jazz va nel museo, per usare il titolo che il festival ha dato a questo ciclo di concerti di mezzogiorno che riprende una tradizione molto praticata in America ma che in passato anche Umbria Jazz ha tradotto in eventi memorabili.

Umbria Jazz partecipa a tre importanti anniversari che segnano il 2017 del mondo del jazz: il centenario della nascita di Thelonious Monk, Ella Fitzgerald e Dizzy Gillespie, tutti nati nel 1917. Tre miti cui il festival dedica appositi concerti. Altri omaggi riguarderanno Celia Cruz, George Gershwin, i cantautori italiani a partire da Luigi Tenco e poi Fats Waller, Frank Zappa, Astor Piazzolla, Gil Evans.

Forse mai in passato una edizione di Umbria Jazz è stata così internazionale. Solo considerando i leader delle varie band, gli artisti che vengono da Italia, Usa, Brasile, Cuba, Giappone, Colombia, Benin, Germania, Inghilterra, Polonia, Canada, Cile, Israele, Francia, Scozia, Austria, Malesia, Corea, Honduras, Cina, Turchia, Repubblica Ceca. Per la prima volta inoltre arriva a Umbria Jazz una band interamente cinese, in rappresentanza del JZ Festival che si svolge a Shanghai.

A Umbria Jazz 17 ci sono ben due band di sole donne: Ladies! interpreti di un jazz moderno e internazionale, e Shake 'Em Up Jazz Band, che si rifà direttamente alla tradizione di New Orleans. In programma ci sono anche parecchie altre donne leader: Hiromi, Dee Dee Bridgewater, Angelique Kidjo, Linda Oh, Simona Molinari, Sugarpie, Kim Prevost, Cristiana Pegoraro.

Come da tradizione, sarà molto ricco il programma di spettacoli all'aperto gratuiti, con una line up artisticamente in gran parte rinnovata rispetto agli ultimi anni. Non poteva mancare la marching band: i Funk Off sono un tratto distintivo dell'identità del festival. Infine, enogastronomia di qualità per chi vuole coniugare buona cucina e buona musica con jazz lunch, aperitivi in musica e ristorante all'aperto all'Arena.

Related