SECONDARY TICKETING: SIAE alla Camera sulla bigliettazione dello spettacolo dal vivo
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

SECONDARY TICKETING: SIAE alla Camera sulla bigliettazione dello spettacolo dal vivo

Il 2 febbraio i rappresentanti di SIAE sono stati ascoltati alla Camera presso la Commissione Cultura nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla bigliettazione dello spettacolo dal vivo. In merito al secondary ticketing, SIAE è impegnata da tempo per combattere questo fenomeno che danneggia i consumatori, gli autori e tutta la filiera dello spettacolo dal vivo.

Nei mesi scorsi la Società Italiana degli Autori ed Editori ha più volte presentato esposti alla magistratura attraverso ricorsi d’urgenza al Tribunale Civile di Roma e denunce querela al Tribunale di Milano.

“Oltre a tutto questo abbiamo istituito un apposito indirizzo di posta elettronica, nosecondaryticketing@siae.it, dove in pochi giorni abbiamo ricevuto oltre 80 segnalazioni, riferite al concerto evento di Vasco Rossi, che sono state tutte evase – ha detto Gaetano Blandini, Direttore Generale di SIAE. – Tutte le segnalazioni ricevute sono state riscontrate con Best Union che, ad oggi, ha già annullato quasi 1.200 biglietti. Insieme a Best Union continueremo a monitorare la situazione al fine di tracciare queste vendite e annullare casi di accaparramenti di biglietti per vendite a prezzi esorbitanti”.

SIAE rivolge un appello a tutti i fan di Vasco Rossi, e più in generale a tutti i consumatori e spettatori di eventi e spettacoli dal vivo, affinché non acquistino biglietti a prezzi maggiorati, venduti su qualsiasi sito e su qualsiasi piattaforma. “In questo caso – continua il Direttore Generale - si renderebbero responsabili di un illecito anche penale, oltre a correre il rischio di non riuscire a partecipare all’evento. Invitiamo infine tutti i consumatori e i fan a continuare a inviarci segnalazioni documentate. Ci impegniamo a controllarle tutte e a dar seguito alla nostra battaglia denunciando i casi rilevati agli organi competenti”.

“La violazione – ha aggiunto nel corso dell’audizione Blandini - riduce i guadagni degli organizzatori, comprime i diritti degli artisti, limita la diffusione della cultura e colpisce i consumatori”. Ora si attende il decreto di attuazione, prosegue Blandini, “che mi auguro sia il più equilibrato possibile. Noi se ce lo chiederanno siamo pronti a fornire il know how”.

Sul caso dei biglietti per il concerto a Torino di Ed Sheeran, esauriti ieri in 15 minuti su Ticketone, la Società Italiana degli Autori ed Editori è pronta, ha assicurato il Direttore, dopo le necessarie verifiche tecniche, a presentare, se ce ne sono gli estremi, una denuncia, come ha fatto per i casi dei biglietti dei Coldplay e degli U2. “SIAE continuerà a perseguire il fenomeno. Ci auguriamo che venga approvato presto il decreto attuativo della norma varata nella legge di stabilità”.

Related