RisorgiMarche, Neri Marcorè presenta il suo Festival di solidarietà
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

RisorgiMarche, Neri Marcorè presenta il suo Festival di solidarietà

Niccolò Fabi e Gnu Quartet, Malika Ayane, Daiana Lou, Ron, Enrico Ruggeri, Paola Turci, Bungaro, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Fiorella Mannoia e Luca Barbarossa, Brunori Sas, Max Gazzè e Francesco De Gregori con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana e ancora Gnu Quartet saranno i protagonisti dei concerti del Festival “RisorgiMarche” presentato questa mattina alla Casa del Jazz di Roma. “RisorgiMarche” è il Festival di solidarietà e vicinanza alle comunità montane colpite dal sisma che Neri Marcorè ha voluto creare per far vivere e riportare il turismo nella sua regione attraverso concerti gratuiti nei più bei parchi montani dopo il terremoto del 2016. Previste tredici date nelle zone delle Marche danneggiate dal sisma, a partire dal prossimo 25 giugno fino al 3 agosto. Nessun biglietto d'ingresso, al pubblico si chiede solo di lasciare i prati puliti come li troveranno.

“RisorgiMarche nasce dalla volontà di contribuire alla rinascita di una terra messa in ginocchio dalle scosse sismiche registrate l’anno scorso in centro Italia. Il solo territorio marchigiano rappresenta il 57% del totale delle aree colpite – ha spiegato Neri Marcorè – Ero stato ad Arquata i primi di settembre scorso per capire quale tipo di sostegno concreto potevo portare  ai cittadini dell’alto Tronto ma dopo la seconda, violenta scossa del 30 ottobre, mi sono reso conto che se volevo intraprendere un’iniziativa, questa doveva abbracciare tutte le comunità interessate, avere un respiro più ampio di una semplice, per quanto utile, raccolta fondi, per portare affetto e solidarietà a quelle persone costrette a cambiare vita e prospettive da un giorno all’altro”.

Da allora Neri Marcorè ha iniziato a pensare ad un progetto che coinvolgesse altri artisti di grande levatura, ma nello stesso tempo amici di comprovata sensibilità e generosità. Alcuni di loro erano presenti oggi alla presentazione del calendario dell’evento a cominciare da Niccolò Fabi che aprirà il Festival il prossimo 25 giugno a Forca di Presta, dove si esibirà accompagnato dalla Gnu Quartet. “Raramente suonare è così sensato – ha detto Fabi nel corso della conferenza stampa – La musica viene interpellata nei grandi eventi come se fosse la lingua alla quale ci aggrappiamo per riprendere forza. La musica non ricostruisce mura ma può dare vigore a chi deve lavorare per ricostruire”.

Un altro aspetto molto importante del Festival è rappresentato dallo scenario nel quale si svolgeranno i concerti: i palcoscenici saranno i prati panoramici più belli delle Marche, la scenografia sarà costituita dalla cornice dei Sibillini e dai cieli azzurri, la luce sarà garantita dal sole pomeridiano. L’importanza e la bellezza dello scenario naturale sono stati ricordati anche da Luca Barbarossa, che si esibirà il 30 luglio con Fiorella Mannoia a Morro, vicino Camerino. “La rinascita – ha aggiunto – passa anche attraverso un sorriso, un’emozione”. Sulla stessa lunghezza d’onda Bungaro, che sarà il 23 luglio a Monte Rocca Colonnalta, vicino San Ginesio: “Speriamo di riempire la giornata di emozioni e di condivisione con il pubblico” ha detto.

Il progetto di Neri Marcorè ha potuto prendere vita anche grazie al sostegno di SIAE. Musica e solidarietà rappresentano un connubio che vede la Società Italiana degli Autori ed Editori impegnata in prima linea in diversi progetti di festival e manifestazioni per la ricostruzione del tessuto sociale di tutti i territori colpiti dai tragici eventi naturali cha hanno sconvolto l’Italia negli ultimi anni, dal Jazz Italiano per L’Aquila a SIAE per Amatrice, nella convinzione che la cultura è la base attraverso cui passa ogni ricostruzione.

Qui le date, i luoghi e i protagonisti dei concerti di RisorgiMarche

Related