RINASCE DOPO OTTO ANNI IL CINEMA TROISI A TRASTEVERE
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

RINASCE DOPO OTTO ANNI IL CINEMA TROISI A TRASTEVERE

Rinasce a Roma, dopo 8 anni di chiusura, il Cinema Troisi nel cuore di Trastevere, restituito alla città dall’Associazione Piccolo America, che festeggia così i suoi primi dieci anni.

A inaugurare lo spazio domani, la proiezione di un film-manifesto: la Palma d’oro Titane di Julia Ducournau. Il film, accompagnato a Roma dalla regista e dal protagonista Vincent Lindon, sarà proiettato (in v.o. con sottotitoli in italiano) in anteprima e in esclusiva nazionale. Dal 30 settembre, il Troisi ospiterà No Time to Die di Cary Fukunaga con Daniel Craig.

Il Cinema Troisi è una storica sala cinematografica da 300 posti (foto di Flavia Rossi) dotata delle tecnologie di proiezione più all’avanguardia, di un foyer-bar, di una terrazza, di uno spazio polifunzionale per mostre ed eventi e soprattutto di un’aula studio-biblioteca con 80 postazioni. Una sala sempre aperta e illuminata, anche quando il proiettore sarà spento, grazie alla prima aula studio in Italia attiva 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Ospitato all’interno dell’edificio dell’ex GIL, progettato nel 1933 da Luigi Moretti e inaugurato nel 1937, il cinema è stato oggetto di un restauro curato dagli architetti Raffaella Moscaggiuri e Claudia Tombini, con la supervisione della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma. Tra gli interventi, la restituzione della circolarità funzionale, il restauro dei pavimenti originali in marmo di Carrara, dei gradini e dei rivestimenti in travertino all’ingresso, il recupero di alcuni bassorilievi, nonché il ripristino, secondo i progetti originali dell’architetto Moretti, dell’ampia vetrata assiale in terrazza. Da mercoledì 22 settembre tutto è raccontato nella mostra fotografica “Cantiere Troisi”, dalla storia dell’architettura del Novecento a una storia più breve, e più recente, quella “riassunta” nella illustrazione murale di Lorenzo Terranera che impreziosisce il foyer e le scale interne, fino all’aula studio TIM, ripercorrendo i dieci anni dell’esperienza del Piccolo America.

Spiega Valerio Carocci, Presidente dell’Associazione Piccolo America: “Oggi festeggiamo i nostri primi 10 anni restituendo finalmente alla città il Cinema Troisi, una sala cinematografica che abbiamo immaginato come un punto di riferimento, una piazza inclusiva, nella vita sociale delle persone. Il percorso svolto fin qui ci ha portato a disegnare qualcosa di inedito, che va oltre la riapertura di una sala cinematografica: a prender corpo tra le mura del Troisi sarà il senso stesso della nostra esperienza, l’insieme delle piccole e grandi scelte con cui passo dopo passo è stata costruita. Prima fra tutte l’idea di investire su un bene pubblico, un cinema all’epoca in disuso, creando una rete di istituzioni e realtà pronte a sostenere e finanziare il progetto di restauro e risanamento conservativo, quali Ministero della Cultura, Regione Lazio con Lazio Innova, BNL gruppo BNP Paribas, SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, Otto per mille della Chiesa Valdese, il green partner Iberdrola e il digital sponsor TIM”.

"Ci sono progetti che diventano simboli: la riapertura del cinema Troisi a Trastevere è uno di quelli, non solo perché ha richiesto molto tempo per poter procedere con la concretizzazione del progetto e perché la sala era un punto di riferimento a Roma; ma perché la sua riapertura arriva in un momento in cui tutti speriamo di rinascere, anche noi con l'esigenza di piccoli restauri per tornare a essere vivi come prima che il Covid cambiasse le nostre vite", ha detto il Direttore Generale SIAE Gaetano Blandini.

Related