Progetto CO2, appuntamento domani nella Casa di reclusione di Opera
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Progetto CO2, appuntamento domani nella Casa di reclusione di Opera

Al termine di un periodo di sperimentazione e di espansione sul territorio, il Progetto CO2 è ora pronto per diventare parte integrante degli istituti carcerari che hanno aderito. Per l’occasione nelle varie strutture si svolgono delle cerimonie di donazione e intitolazione dell’audioteca, posizionata nella biblioteca o in appositi spazi riservati. Dopo l'appuntamento nella Casa Circondariale Dozza di Bologna, l'iniziativa prosegue domani nella Casa di reclusione di Opera, a Milano.

Il Progetto CO2, premiato con la medaglia della Presidenza della Repubblica nel 2017, ha come obiettivo quello di offrire momenti di intima riflessione ai detenuti grazie a una rete di audioteche unica nel suo genere, in Europa e non solo, realizzata con strumenti tecnologicamente avanzati (iPad e Mac).

Dentro speciali audioteche sono presenti, su un comune database, migliaia di brani di musica esclusivamente strumentale di ogni genere: dalla musica da film alla classica e al jazz, dal pop al rock fino all’elettronica. Tutto il repertorio è diviso per stati d’animo, rappresentati da nove grandi famiglie emotive. Attraverso una particolare procedura di ascolto guidato, si rende apprezzabile il valore del lavoro che la musica svolge nell’area affettiva delle persone.

Sostenuto fin dal suo inizio dalla SIAE, il Progetto è stato pensato e realizzato da Franco Mussida, con il coordinamento del CPM Music Institute, il supporto di un apposito comitato scientifico e il patrocinio del Ministero della Giustizia. Nel 2017 ha ottenuto la Medaglia della Presidenza della Repubblica per meriti sociali.

Related