Presentato a Venezia Cinemanchio, per liberare la cultura dalle barriere
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Presentato a Venezia Cinemanchio, per liberare la cultura dalle barriere

Viene presentato oggi nell'ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia il progetto Cinemanchio – Modello inclusivo per il cinema, sviluppato per garantire a centinaia di migliaia di persone la partecipazione attiva e continuativa all’offerta culturale del proprio Paese. Obiettivo dell’iniziativa è la promozione dell’integrazione dei processi di produzione con quelli di una resa accessibile universale per persone sorde e sordastre, per ciechi, ipovedenti e disabili cognitivi, in particolare nello spettro autistico.

La proposta di Cinemanchio si concretizza in vari punti: realizzazione di sottotitolaggio e audiodescrizione per almeno quaranta film a stagione in tutte le città capozona; organizzazione di proiezioni con Friendly Autism Screening una domenica al mese; creazione di una struttura formativa per il sottotitolaggio e l’audiodescrizione e per altre attività correlate; proiezioni per immigrati con film in lingua originale sottotitolati; realizzazione di un festival tematico internazionale.

Il progetto pilota prevede la realizzazione di percorsi di accessibilità in quattro importanti città italiane e prenderà il via ad ottobre, in occasione della prossima Festa del Cinema di Roma. L’iniziativa ha avuto inizio dieci anni fa ed è stata portata avanti senza alcun tipo di sostegno pubblico ed esclusivamente sull'attività volontaria dei promotori. Alla base di Cinemanchio, Stefano Pierpaoli (Associazione Consequenze) e Laura Raffaeli (Blindsight Project), che hanno realizzato il primo festival in Europa con un'intera programmazione accessibile per i disabili sensoriali.

Il progetto ha il patrocinio del Mibact, il sostegno di SIAE e si avvale della partnership sociale di Angsa – Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici ed è realizzato in collaborazione con UCI Cinemas.  

Related