PRESENTATO IL CARTELLONE DI SPRING ATTITUDE, A ROMA DAL 4 AL 6 OTTOBRE TORNA LA PRIMAVERA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

PRESENTATO IL CARTELLONE DI SPRING ATTITUDE, A ROMA DAL 4 AL 6 OTTOBRE TORNA LA PRIMAVERA

“Fall is the new Spring” è il claim della IX edizione di Spring Attitude a Roma dal 4 al 6 ottobre fra il Mattatoio di Testaccio e l’Ex-Dogana di San Lorenzo. Il Festival Internazionale di Musica Elettronica e Cultura Contemporanea, sostenuto da SIAE, ospiterà più di 40 artisti provenienti da tutto il mondo per tre giorni di suoni, visioni, performance multimediali.

L'opening del 4 ottobre inaugura la collaborazione con il Romaeuropa Festival: Digital Attitude, al Mattatoio di Testaccio, sarà una serata dedicata alle performance multimediali di artisti internazionali ed emergenti come Kamilia Kard, Marco Donnarumma con Margherita Pevere, Quiet Ensemble e Roly Porter con MFO.

Il 5 e 6 ottobre ci si sposta all'Ex Dogana, che ospita i 4 palchi del festival: lo Spring Attitude Stage, il nuovissimo Italian Attitude Stage by Molinari, il Jungle Stage e The 270° Experience di Red Bull Music.

Ad abitarli, star della consolle del calibro della coreana Peggy Gou o di Max Cooper, i Casino Royale, M¥SS KETA e Frah Quintale.

L’originale incontro fra Iran e Cuba degli Ariwo e l’energia esplosiva della scena afropunk parigina di Thsegue, in collaborazione con La Francia in Scena. Il giovanissimo talento austriaco di Mavi Phoenix e il mix di influenze da Detroit, Regno Unito e Germania di Laurel Halo, il viaggio AV oscuro ed esoterico di Demdike e l’elettronica di Lorenzo Senni. I Nu Guinea, protagonisti della nuova scena napoletana e il rap di Gemello, le giovani promesse elettroniche Makai, Cristalli Liquidi e Maiole e il veneziano Yakamoto Kotzuga, l'italo- disco di Bruno Belissimo, il salentino Populous e dal Primavera Sound Dj Coco.

E ancora Odeon, Capofortuna, Hugo Sanchez, Kassiel, Daniele Sciolla, Giorgio Gigli & Bichord, Deena Abdelwahed, Jeremy Underground, Lorenzo Bitw, Rrose, The Maghreban e Raffica Soundsystem.