PRESENTATA OGGI LA II EDIZIONE DEL FESTIVAL LABIRINTO ALLO STUDIO UNO DI TOR PIGNATTARA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

PRESENTATA OGGI LA II EDIZIONE DEL FESTIVAL LABIRINTO ALLO STUDIO UNO DI TOR PIGNATTARA

Al via la seconda edizione del festival Labirinto, la kermesse organizzata dal Gruppo della Creta al Teatro Studio Uno nel quartiere di Torpignattara, a Roma, dove si svolgerà dal 15 al 28 maggio.

Il nome del gruppo si ispira ad un esercizio che Vittorio Gassman faceva fare ai suoi allievi con la creta e alle doti di questo materiale che, se bagnato, può cambiare forma all'infinito, finché, cotto, non manterrà la sua forma immutabile. I componenti sono Jacopo Cinque, Cristiano Demurtas, Alessandro Di Murro, Alessio Esposito, Pamela Massi, Giulia Modica, Laura Pannia, Lida Ricci, Bruna Sdao.

Il tema della seconda edizione, sostenuta da SIAE, è “Noi giovani del futuro”. Il festival offre allo spettatore la possibilità di orientarsi tra diverse forme artistiche: il teatro, la video arte e le arti visive. Le novità di quest’anno sono drammaturgia, musica, incontri culturali e cinematografici ed una performance che sfrutti l'ambiente urbano circostante al teatro. Un posto, insomma, in cui poter incontrare artisti provenienti dalle discipline e dai contesti più vari.

Da qui il labirinto: “cioè un luogo dove perdersi, di cui non si conosce né l'entrata né l'uscita e in cui si cerca disperatamente il centro, luogo probabilmente irraggiungibile se non addirittura inesistente. Nel binomio tra cercare l'uscita e raggiungere il centro si sono delineate la nostra poetica e le nostre scelte artistiche. Infatti, se da una parte le diverse arti o i diversi stili artistici rappresentano gli infiniti percorsi che si possono intraprendere all’interno del labirinto, dall’altra il tema del festival, ogni anno diverso, rappresenta quel centro cercato invano”, spiegano gli artisti.

All’interno della programmazione ci sono il bando di teatro “Icaro”, quello di drammaturgia “Dedalo”, quello di arti visive “Minotauro”. E anche due workshop, uno di recitazione, condotto da Max Mazzotta, e uno di drammaturgia, condotto da Giampiero Rappa.Musica, spettacoli e videoarte completano la proposta.

 

Related