PREMIO LETTERARIO NAZIONALE PAOLO VOLPONI: DA DOMANI LA XIII EDIZIONE
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE PAOLO VOLPONI: DA DOMANI LA XIII EDIZIONE

Prenderà il via domani sera, con il concerto del cantautore Marco Rovelli all'interno del CineTeatro Valdaso di Pedaso, la XIII edizione del Premio letterario nazionale Paolo Volponi, organizzato dall'associazione Il Circolo di Confusione.

“La tredicesima edizione del Premio Letterario Nazionale Paolo Volponi è pronta a partire. Anche questa volta offrirà al nostro territorio un programma ricco di grande significato civile, sociale, culturale ed artistico” ha detto Diego Marzoni, Presidente dell'associazione Il Circolo di Confusione, che nel corso della conferenza stampa di presentazione lunedì scorso a Fermo ha ringraziato SIAE per il sostegno alla manifestazione.

"Il Premio Volponi – ha dichiara lo scrittore Angelo Ferracuti - è ormai percepito dagli autori, dagli editori, dai media e gli addetti ai lavori, dal pubblico dei lettori, come uno degli appuntamenti culturali più significativi nel panorama nazionale, soprattutto per la sua unicità e per il suo rigore, per la composizione autorevole della giuria tecnica. Ma ha anche una valenza locale radicata nel proporre in una rete consolidata un calendario di iniziative di qualità che vanno incontro anche alle tradizioni vive del territorio: fotografia sociale, letteratura d'impegno, cultura civile e solidale. I libri scelti (Costellazione familiare di Rosa Matteucci, Rosso nella notte bianca di Stefano Valenti e La prima verità di Simona Vinci, oltre a Il grande animale di Gabriele Di Fronzo, al quale è stato assegnato il Premio Opera prima ‘Stefano Tassinari’) sono di grande valore, letterario e civile, così come i premi all'impegno civile, da quest'anno dedicati a quello che considero il mio Maestro, Mario Dondero, e il ricco programma. Ma la cosa che considero più importante e che vorrei crescesse – ha aggiunto Ferracuti - è la promozione della lettura e gli oltre 300 libri che regaliamo ai 100 giurati popolari, oltre a quelli che l'attività del premio farà conoscere ai lettori del nostro territorio”.

“Anche quest’anno – ha detto Peppino Buondonno, che ha coordinato il progetto - siamo riusciti a costruire un programma di qualità, sia per il livello culturale che per il coinvolgimento di nuovi partner e compagni di strada, che per l’attenzione ai problemi reali della società italiana e del mondo. Non ci interessa l’aspetto 'decorativo' della letteratura, non ci interessano gli 'eventi' finalizzati a se stessi; ci interessa una cultura capace di offrire, soprattutto ai più giovani, strumenti di interpretazione critica e di riflessione. Da questa impostazione volponiana non ci siamo mai discostati, perché corrisponde alla nostra visione della vita. Voglio ringraziare tutta quella che considero una comunità, che ci aiuta a progettare il Premio, non solo a realizzarlo. Credo che questo metodo di lavoro sia stato uno degli elementi determinanti nel convincere la SIAE ad offrire una collaborazione ed un sostegno decisivi”.

 

Related