Premio Carlo Bixio: L’oro di Achille vince la targa SIAE Idea d’Autore
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Premio Carlo Bixio: L’oro di Achille vince la targa SIAE Idea d’Autore

Nel corso della serata dedicata alle premiazioni del MIA, Mercato Internazionale Audiovisivo, sabato scorso sono stati assegnati i Premi Carlo Bixio e la targa SIAE Idea d’Autore. In questa settima edizione, RAI – in alternanza con RTI – ha messo in palio i premi “Miglior Concept” e “Migliore Sceneggiatura”.

La Giuria del Premio, presieduta da Gabriella Campennì Bixio, e composta da Leonardo Ferrara per Rai, Francesca Galiani per RTI e da Ivan Cotroneo, Graziano Diana, Monica Rametta e Francesco Vicario, ha emesso il proprio verdetto assegnando il Premio Carlo Bixio per la migliore sceneggiatura a Bordello Chiaia di Laura Grimaldi e Pietro Seghetti “Per l’audace forza narrativa della proposta, capace di miscelare generi e atmosfere diverse, dalla storia di vendetta all’emancipazione femminile, commedia umana e film di resistenza, dall’inusuale punto di vista di una casa di tolleranza nella Napoli occupata dai nazi-fascisti”.

Il Premio Carlo Bixio per il miglior concept di serie è stato vinto da Redemption di Matteo Ferri con questa motivazione:Una scrittura sicura e sapiente, sostenuta da dialoghi brillanti al servizio di personaggi sfaccettati e decisamente originali. Un thriller di provincia ben congegnato che si muove con sicurezza tra i generi, mescolando sapientemente i toni. Oscillando tra il grottesco, il drama spingendosi a volte anche ai confini della black comedy, senza perdere mai di vista la tensione e la verità del racconto”. Ai vincitori rispettivamente diecimila e cinquemila euro a fronte di un contratto con il broadcaster.

La Società Italiana degli Autori ed Editori, che dal 2013 sostiene l’iniziativa, ha premiato con tremila euro e la targa “SIAE Idea d’Autore” L’oro di Achille di Giuseppe Maria Martino, Elio Penna e Armando Francesco Serrano “Per l’idea originale e ben costruita di raccontare un particolare momento della storia italiana del dopoguerra e della città di Napoli, attraverso la vita romanzata di un importante armatore, uomo di spicco e protagonista dell’epoca. Insolito, intrigante, ricco di spunti, il racconto ci restituisce una verità accattivante e sorprendente di un personaggio ancora mai raccontato dalla televisione Italiana. Achille Lauro”.  

Related