Pedras et Sonus, domani anteprima della quarta edizione
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Pedras et Sonus, domani anteprima della quarta edizione

Inizia domani con un’anteprima il festival Pedras et Sonus, rassegna sostenuta da SIAE in cui musica ed eccellenze artistiche locali dialogano alla ricerca di paesaggi sonori e originali commistioni artistiche tra centri storici, chiese e suggestivi scorci naturalistici dell’oristanese.

Alle 21.45 nello scenario della chiesa della Madonna del Carmine a Mogoro, protagonista la cantante newyorkese Joyce Elaine Yuille e i suoi The Hammond Groovers dialogherà nello spazio dedicato alle Vetrine Sonore con la giovane artista mogorese Eleonora Piras, in arte Elepeint, e il suo trucco pittorico.

La kermesse entrerà nel vivo dal 17 al 24 agosto nell'Unione dei Comuni Parte Montis e Alta Marmilla, che si snoderà come consuetudine nei territori di Gonnostramatza, Masullas, Mogoro, Pompu, Siris e una tappa nei Comuni di Ales, Curcuris e Pau, con la direzione artistica della musicista Zoe Pia.

Protagonisti della quarta edizione (a ingresso gratuito) saranno Cettina Donato e Zoe Pia, Ada Montellanico e Andrea Molinari, il trio di Franca Masu, Adele Madau, Maria Grazia Campus, il quartetto di Mauro Sigura, l’ensemble di Launeddas del M° Franco Melis, Dario Cecchini con Roberto De Nittis e Nanni Gaias, Antonio Floris e Elisa Zedda, il gruppo Spaghetti Swing e il loro Show Cooking, artisti a cui verrà affidato il compito di rileggere lo spazio della cultura storica, sfociando in originali progetti creativi e connettendosi con gli output espressivi che caratterizzano la manifestazione.

Caratteristica di Pedras et Sonus sono le Vetrine Sonore: su vari palcoscenici del festival si svilupperà un dialogo tra l’artista musicale protagonista dell’appuntamento e artisti legati profondamente al territorio, agevolando in questo modo lo sviluppo di trame artistiche in maniera multidisciplinare, valorizzando l’identità culturale isolana, promuovendo l’incontro, il dialogo, e lo scambio con gli altri popoli e tra le diverse arti.

La otto giorni del festival parte martedì 17 agosto nel Parco Comunale di Simala con il suonatore di oud e bouzouki Mauro Sigura; appuntamento dedicato al buon cibo e alla musica mercoledì 18 agosto a Pompu: in piazza Cavour, alle 21.45, il paese del pane ospiterà la Spaghetti Swing; sul palco e ai fornelli, ci saranno lo chef acrobatico e bassista Tiziano Negrello, affiancato dalle cantanti Betta Bob “Diva Parmigiano” e Linda Ginger “Ragazza Dispettosa”, da Donna Silvia al pianoforte e da Riccardo “Double” Paio alla batteria.

Sardegna e Sicilia si incontreranno giovedì 19 agosto a Curcuris, nella cornice di Casa Pinna-Spada, dove dialogheranno la pianista, compositrice e direttrice d’orchestra Cettina Donato e la clarinettista e compositrice Zoe Pia (direttrice artistica del festival Pedras et Sonus); il 20 agosto (alle 18.30), negli spazi della Fiera dell’Artigianato Artistico di Mogoro è in programma un incontro con i suoni arcaici del territorio, con protagonista l’ensemble di launeddas Sonus Antigus del Maestro Franco Melis, composto dai virtuosi delle tre canne provenienti da diversi paesi della Marmilla; alle 21,45, nel “Giardino Botanico del Monte Arci” di Masullas, arriva Franca Masu, esponente internazionale della lingua e della antica cultura catalana algherese.

Nella mattina di sabato 21 agosto il festival Pedras et Sonus farà tappa a Pau, per una passeggiata nel Sentiero Nero dell’ossidiana accompagnata dalle circle songs della cantante Maria Grazia Campus, con l’archeologa Giulia Balzano a fare da guida nel percorso.

La musica sarà ancora protagonista la sera a Siris nella piazza delle Botteghe Artigiane (alle 21.45): sul palco un inedito trio composto dal sassofonista e flautista Dario Cecchini, dal pianista e compositore Roberto De Nittis (in questa occasione al Feder Rhodes) e dal giovane talento berchiddese Nanni Gaias alla batteria.

Domenica alle 21.45 nel suggestivo scorcio naturalistico del bosco del villaggio scomparso di Serzela, gli spazi dell’antica chiesa campestre di San Paolo di Gonnostramatza ospiteranno la cantante Ada Montellanico, una delle autrici e cantanti più originali nella scena nazionale, accompagnata dal chitarrista Andrea Molinari.

Lunedì 23 alle 11.30 il bar “La Fortezza” nel sito archeologico Nuraghe Cuccurada a Mogoro, ospiterà il brunch nuragico, accompagnato dal duo composto dalla cantante Elisa Zedda e dal chitarrista Antonio Floris, due giovani artisti attivi nel panorama isolano, abili a muoversi tra jazz e territori affini.

Sipario il 24 agosto alle 18.30 ad Ales, dove si esibirà la violinista e compositrice cagliaritana Adele Madau, con composizioni che spaziano dal rock alla musica minimale, dal flamenco alla samba, fino alla musica contemporanea.

I concerti del Pedras et Sonus festival sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria nel sito www.eventbrite.it o contattando il numero 379 1579897.

Aggiornamenti sulla pagina Facebook della rassegna.

Related