PATRIMONIO ITALIANO, SI CAMBIA: PER IL 2016 INCENTIVI PER CHI TROVA PRIVATI DISPOSTI A INVESTIRE IN CULTURA E IN BELLEZZA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

PATRIMONIO ITALIANO, SI CAMBIA: PER IL 2016 INCENTIVI PER CHI TROVA PRIVATI DISPOSTI A INVESTIRE IN CULTURA E IN BELLEZZA

Dopo l’Art Bonus (il credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo) il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo continua la sua opera di rilancio del settore culturale: il Ministro Franceschini ha aggiunto ai 300 milioni di euro (stanziati per la realizzazione di interventi in tutta Italia) altri 45 milioni in tre anni per incentivare le realtà che riusciranno a ottenere finanziamenti direttamente da soggetti privati.

L’obiettivo è infatti quello di stimolare i direttori e i responsabili dei poli culturali a cercare partner non pubblici - anche internazionali - per sostenere le spese di restauro e manutenzione dei beni.

Nel 2015 sono stati 57 i milioni donati da 1427 mecenati (che usufruiranno del beneficio fiscale per una percentuale del 65%), e da oggi il Demanio mette on line il patrimonio dello Stato per la vendita, mediante asta pubblica, di immobili e aree pubbliche. 

Related