PARTE OGGI IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO, DA ROMA NEL MONDO FINO AL 21 SETTEMBRE
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

PARTE OGGI IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO, DA ROMA NEL MONDO FINO AL 21 SETTEMBRE

Parte oggi il Festival della Letteratura di Viaggio, giunto alla sua dodicesima edizione.

Promosso dalla Società Geografica Italiana, il Festival è dedicato al racconto del mondo attraverso la geografia, l’antropologia, la letteratura, il giornalismo, la fotografia, il cinema, la televisione e il fumetto.

Il Festival si svolge fino al 21 settembre in diverse sedi, con attività a Palazzetto Mattei (sede della Società Geografica Italiana) in Villa Celimontana e altre iniziative diffuse nell’area cittadina, come: Casa delle Letterature afferente al circuito Biblioteche di Roma, Casa del Cinema, MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Palazzo Merulana, Moby Dick, Parco Archeologico dell’Appia Antica, Ludoteca Casina di Raffaello, Bioparco, Ecomuseo Casilino.

Gli eventi sono divisi in talk (incontri-conversazioni), awards (premi), lab (laboratori), walk (passeggiate), reading (letture), movie (proiezioni), con a volte incroci e commistioni fra esse.

I LAB sono tenuti da associazioni e addetti ai lavori di diversi settori (fotografia e scrittura, sceneggiatura per graphic novel, geografia per bambini, ambiente e clima, identità e fantasia, travel blogging). Le WALK sono passeggiate tematiche, da quelle zoologiche e botaniche a quelle fotografiche e di esplorazione urbana, e si svolgono anche in orari notturni, a piedi e a volte in bicicletta. I TALK, corpo centrale della rassegna, riguardano argomenti e autori vari. I READING sono letture interpretate da autori e attori.

Gli AWARD del Festival sono due: il Premio Kapuściński, per il reportage, in memoria del giornalista e scrittore polacco Ryszard Kapuściński (il più significativo reporter del ‘900, istituito in collaborazione con la famiglia Kapuściński e l’Istituto Polacco di Roma); il Premio Navicella d’Oro Società Geografica Italiana, assegnato a chi ha espresso particolare sensibilità verso la categoria del viaggio e il racconto del mondo, la rappresentazione e difesa di culture e luoghi, paesi e genti, territori e persone. Conclude il festival una serata MOVIE alla Casa del Cinema: l’omaggio a Bruce Chatwin con la proiezione di due film di Werner Herzog da lui ispirati, Nomad e Cobra Verde.

Il Festival si svolge in presenza, compatibilmente con le disposizioni vigenti in materia di pandemia e con l’organizzazione di collegamenti da remoto. Gli eventi possono in ogni caso essere seguiti in streaming e attraverso canali social (in differita), così da offrirne potenzialmente la fruizione a un bacino di pubblico più largo a prescindere dalle problematiche relative alla pandemia.

Alcuni eventi saranno realizzati in autunno (#FuoriFestival21), le relative informazioni verranno via via fornite sul sito e sui social media del festival. Con giornalisti, scrittori, attori, antropologi, geografi, fotografi, ambientalisti, circoli di lettura, che animeranno incontri, laboratori, passeggiate, omaggi.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito, prenotandosi qui.