domani finale del kilowatt festival, teatro, danza e musica a sansepolcro
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

domani finale del kilowatt festival, teatro, danza e musica a sansepolcro

Domani a Sansepolcro finale della sedicesima edizione di Kilowatt Festival, che ha presentato un ricco programma di teatro, danza, musica, circo contemporaneo, incontri e grandi protagonisti della scena italiana, come Virgilio Sieni, I Sacchi di Sabbia, Vinicio Marchioni, Daniel Hellmann, Menoventi, Claire Dowie, Eugenio Finardi, Omar Pedrini.

Promossa dall’associazione CapoTrave/Kilowatt, diretta dal regista e drammaturgo Luca Ricci e sostenuta da SIAE, la kermesse - che si propone di essere un luogo stabile di confronto e di sperimentazione a livello internazionale - ha avuto un cartellone composto da 50 spettacoli di teatro d'innovazione, danza e circo contemporaneo, fra cui 18 prime nazionali in 10 differenti luoghi di spettacolo, nonché una significativa quantità di eventi collaterali come 9 incontri, 2 laboratori, 2 mostre. Notevole, come sempre, la presenza degli artisti stranieri provenienti quest'anno da Crozia, Belgio, Svizzera, Gran Bretagna, Portogallo, Francia, Spagna, Repubblica Ceca, USA, Australia.

Un festival dialogante che ha presentato diversi spettacoli frutto di collaborazioni progettuali, come la collaborazione con In Box, la più importante rete nazionale per la distribuzione della scena teatrale emergente di cui Kilowatt ospiterà uno degli spettacoli finalisti, il progetto vincitore del bando Davanti al pubblico in collaborazione con il Teatro Metastasio e Armunia, gli spettacoli del Network Anticorpi XL, prima rete nazionale indipendente per la promozione della danza d’autore.

CapoTrave / Kilowatt è residenza artistica sostenuta da Mibact e SIAE, nell'ambito dell'iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura” e, grazie a questo sostegno, ha ospitato artisti provenienti da tutta Europa e alcuni di questi – Progetto Demoni, Collettivo No Name e Giacomo Alù – saranno presenti al Festival.

Padrino di questa edizione, intitolata “Diversi perché umani”, è Virgilio Sieni. Già direttore della Biennale di Venezia - settore Danza, danzatore e coreografo tra i più rappresentativi nel panorama europeo, Sieni dirige a Firenze il Centro Nazionale di produzione sui linguaggi del corpo e della danza. A lui sono stati dedicati incontri e iniziative di approfondimento sulla sua poetica, a partire da “Ballo 1450_Resurrezione”, evento in esclusiva che ha coinvolto i cittadini di Sansepolcro.

Anche quest'anno sono stati confermati sia il fortunato esperimento della programmazione del circo contemporaneo sulla spiaggia teatrale nella piazza principale della città (il biglietto è gratuito ma gli spettatori pagano il noleggio di una sdraio da mare), sia l’attività dei Visionari, 37 cittadini di Sansepolcro che hanno lavorato durante l’inverno per selezionare, su oltre 340 progetti ricevuti, 9 spettacoli da inserire nella programmazione.

Domani alle 11 al Palazzo delle Laudi incontro su Visionari e compagnie. Alle 17, alle 18 e alle 19 tre tappe del Progetto Demoni “Come va a pezzi il tempo”, che si svolge per soli 4 spettatori in un’abitazione privata.

Alle 17 al Chiostro di Santa Chiara “Elevazioni” di Giorgio Rossi / Sosta Palmizi, alle 20,30 al teatro della Misericordia Ahilan Ratnamohan in “Mercinary – The Qatar project” e si prosegue fino a notte alla Piazza Torre di Berta con Circo Zoè e al Giardino della Misericordia con un concerto che chiude il festival.

Tutto il programma di teatro, danza, circo, musica e incontri è sul sito del festival.

Related