80 anni fa nasceva Fabrizio De Andrè, il cantautore che ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

80 anni fa nasceva Fabrizio De Andrè, il cantautore che ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana

Oggi Fabrizio De André avrebbe compiuto ottant’anni. Insieme a Bruno Lauzi, Gino Paoli, Umberto Bindi e Luigi Tenco è considerato uno degli esponenti della cosiddetta Scuola genovese. Durante la sua carriera ha collaborato con personalità della cultura e importanti artisti della scena musicale italiana, tra cui la Premiata Forneria Marconi, Ivano Fossati, Mauro Pagani, Nicola Piovani, Massimo Bubola, lvaro Mutis, Fernanda Pivano e Francesco de Gregori.

Nella sua vita da cantautore, proseguita con successo sempre costante per quarant'anni, Fabrizio De André ha inciso quattordici album in studio (da Tutto Fabrizio De André del 1966 a Anime salve del 1996), oltre ad alcune canzoni pubblicate solo come singoli. I testi di molti suoi brani sono considerati da alcuni critici come vere e proprie poesie, tanto da essere state inserite in varie antologie scolastiche di letteratura già dai primi anni Settanta e da ricevere gli elogi anche di grandi nomi della poesia come Mario Luzi.

Oggi nella sua Genova sono in programma diversi eventi per ricordare quello che sarebbe stato l’ottantesimo compleanno di De André con tributi dal vivo, incontri e approfondimenti. In Sardegna, altra terra con cui De André aveva un legame profondo, fino al 29 marzo proseguirà Buon compleanno Faber - Sulle rotte di Fabrizio De André, che si propone come "Un viaggio tra le genti, le storie, i luoghi, i temi e il pensiero deandreiano".

A Villa Scheibler a Milano si svolge invece il convegno dal titolo L'Arte oltre il pregiudizio. Riflessioni sulla funzione dell'arte nell'ambito della salute mentale ricordando Fabrizio De André. Ci saranno anche eventi di piazza come la Cantata anarchica a Napoli per Fabrizio De André che invaderà Piazza del Plebiscito il prossimo 28 febbraio.

Fino a domani, infine, nelle sale è possibile vedere il docu-film evento di Walter Veltroni Fabrizio De André e Pfm – Il concerto ritrovato. Il film riporta in vita il concerto che si è tenuto a Genova il 3 gennaio del 1979 grazie ad un nastro conservato dal regista Piero Frattari e restaurato in modo da far rivivere le emozioni di quella data unica in cui De André si esibì con la PFM.  

Related