Officina Pasolini, un’opportunità per far crescere il talento
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Officina Pasolini, un’opportunità per far crescere il talento

C’è tempo fino al prossimo 17 gennaio per chiedere di partecipare al laboratorio di alta formazione della Regione Lazio Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini. Il percorso, completamente gratuito, si sviluppa nell'ambito della canzone, del teatro e del multimediale ed è aperto a giovani diplomati disoccupati tra i 18 e i 35 anni. E’ un'officina dei mestieri che punta a formare figure professionali immediatamente spendibili nel contesto lavorativo di riferimento attraverso lezioni teoriche, esercitazioni pratiche, seminari e laboratori sperimentali.

Lo scorso anno, durante la didattica, gli studenti hanno avuto modo di seguire masterclass con personalità come Carmen Consoli, Francesco De Gregori, Samuele Bersani e Niccolò Fabi e quest'anno sono previsti laboratori e incontri altrettanto importanti per la formazione dei giovani artisti partecipanti. Il progetto della Regione Lazio, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, vede anche la collaborazione dell’Università degli Studi Roma Tre e del Conservatorio Santa Cecilia.

Sono previsti 25 posti per ciascuna sezione. I partecipanti, selezionati attraverso delle audizioni, potranno acquisire nel corso dei due anni un eccellente livello di preparazione, anche grazie alla trasversalità e all'interdisciplinarietà che caratterizzano i corsi, e potranno mettere in pratica sul palcoscenico delle strutture coinvolte quanto appreso.

Anche per questo biennio le attività formative saranno realizzate sotto la guida di un Comitato Tecnico Scientifico e di coordinatori. A capo delle tre sezioni ci saranno Tosca per la canzone, Massimo Venturiello per il teatro e Simona Banchi per la sezione multimediale. La Presidente onoraria dell’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini è Franca Valeri

Related