Musica contro le mafie compie dieci anni e torna a Cosenza fino al 7 dicembre
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Musica contro le mafie compie dieci anni e torna a Cosenza fino al 7 dicembre

Da oggi e fino al 7 dicembre torna a Cosenza il concorso nazionale “Musica contro le mafie” che sostiene e valorizza la musica socialmente impegnata. Per la decima edizione del premio, il tema è #Oltreiconfini, un invito a stimolare un pensiero preciso, verso un mondo senza barriere, senza divisioni di credo e di razza, senza poteri che oscurino cuori e menti, con la creatività che stimola il desiderio di cercare l'unione nella diversità e farsi portatrice di un cambiamento profondo "guidato dalla musica" con gli artisti in prima linea.

La finale di "Musica contro le mafie" conclude il percorso che ha visto 512 brani candidati, 350 artisti ammessi al voto di una giuria di esperti, una giuria social ed una di studenti di varie scuole italiane. Questi gli artisti selezionati: Antonio Carluccio di Napoli con il brano Creature, Chris Obehi di Palermo con Non siamo pesci, Chiara Patronella di Grottaglie che presenta Petalo a mari, Micaela Tempesta di Napoli con il brano dal titolo 4M3N, Giovane Werther di Reggio Calabria con Non ho paura, Cadmio di Foggia che presenta Puro, Lorenzo Santangelo di Roma con il brano Respiro, Sikania di Agrigento  con Siciliano medio, Cance di Genova  che presenta Conosci? e Romito di Napoli con Cosa 'e niente.

In palio una borsa di studio, un tour nei più importanti Festival del circuito KeepOn, l'esibizione sul palco dell'Uno Maggio Libero&Pensante di Taranto e showcase presso Casa Sanremo. Inoltre premi speciali per le produzioni artistiche e partecipazioni a importanti eventi live nazionali. In particolare, SIAE assegnerà la Targa Giovani Autori.

Molti gli ospiti che parteciperanno ai cinque giorni di concerti, seminari, panel e workshop, tra cui Willie Peyote, Antonio Nicaso, Lirio Abbate, Giorgio Poi e Margherita Vicario, i quali porteranno il loro contributo per comunicare attraverso la musica messaggi profondi di sensibilizzazione e riflessione.

Ideato e organizzato dall’Associazione Musica contro le Mafie sotto l’egida di Libera, con il patrocinio di Avviso Pubblico e Legambiente, il Premio è un progetto culturale che si realizza con il supporto di SIAE, Doc Servizi, Acep, Unemia, Omnia Energia, EarOne con il contributo istituzionale di Avviso Cultura PAC Calabria 2017/2019 di Regione Calabria e Comunità Europea e con la partnership di Casa Sanremo, Club Tenco, Uno Maggio Libero e Pensante, Keep On, Primo Maggio Roma, Officine Buone e il Maestro orafo Michele Affidato. 

Related