Mostra del Cinema di Venezia: l’Italia in gara con tre film
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Mostra del Cinema di Venezia: l’Italia in gara con tre film

Questi giorni di Giuseppe Piccioni, Piuma di Roan Johnson e Spira mirabilis, docu di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti. Questo il terzetto italiano in corsa alla 73/a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, in programma dal 31 agosto al 10 settembre.

Il film di Piccioni, classe 1953 con dieci pellicole all'attivo e autore già in concorso al Lido nel 2001 con Luce dei miei occhi, è una storia che si annuncia intimista e generazionale, tratta dal romanzo Color betulla giovane di Marta Bertini, che parte da una città di provincia e dall’amicizia di quattro ragazze piene di interessi comuni e ideali. Un legame forte e irripetibile che si rafforza nel viaggio che compiono insieme per accompagnare una di loro a Belgrado, dove l'attendono una misteriosa amica e un'improbabile occasione di lavoro. Quarto film invece per Roan Johnson, scrittore, regista e sceneggiatore che con Piuma porta avanti la storia del ribelle Ferro e della più assennata Cate, due ragazzi come tanti. Ma una gravidanza inattesa cambia tutto: le loro famiglie si dividono, ci sono poi gli esami di maturità, gli amici e il lavoro da trovare. Spira mirabilis di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, infine, è un documentario che vola alto raccontando l'immortalità attraverso i quattro elementi della natura: acqua, aria, terra e fuoco. A questi si aggiunge il quinto elemento aristotelico dell'etere che fa da prologo e epilogo al docu. Il film è una sinfonia visiva, è girato in quattro diversi luoghi del mondo e ha quattro diverse storie protagoniste che raccontano e mostrano la tensione verso l'immortalità.

Ma è indubbiamente l'America a fare quest’anno la parte del leone alla Mostra, con ben sette titoli in gara, due dei quali coproduzioni: oltre a La La Land di Damien Chazelle (che è anche il film di apertura) e a Jackie di Pablo Larraìn (co-produzione Cile-USA), ci saranno Nocturnal Animals di Tom Ford, Arrival di Denis Villeneuve, The Bad Batch di Ana Lily Amirpour, The Light Beetwen the Ocean di Derek Cianfrance e il doc Voyage of Time di Terrence Malick (Germania/USA).

Ricco il fuori concorso, dove figurano tra gli altri The Young Pope di Paolo Sorrentino,  Hacksaw Ridge di Mel Gibson, Il centro del mondo di Kim Rossi Stuart e, film di chiusura, I magnifici 7 di Antoine Fuqua, mentre tra i doc c'è Assalto al cielo di Francesco Munzi, Safari di Ulrich Seidl e One More Time With Feeling di Andrew Dominik, film-performance nel quale Nick Cave & The Bad Seeds interpretano per la prima volta le canzoni di Skeleton Tree, il nuovo album della rockstar australiana che sarà pubblicato a mezzanotte del 9 settembre.

In corsa per l'Italia nella sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia due film e due corti, più una coproduzione. Per quanto riguarda i lungometraggi si tratta di Liberami di Federica Di Giacomo, che racconta gli esorcisti siciliani, e Il più grande sogno di Michele Vannucci, tratto da una storia vera. Nella sezione cortometraggi troviamo: Stanza 52 di Maurizio Braucci, Colombi di Luca Ferri e infine in coproduzione con la Corea del Sud, il corto di Giovanni Fumu, Good News.

Anche quest’anno il Lido ospiterà nelle stesse date della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica le Giornate degli Autori-Venice Days, che SIAE sostiene sin dalla loro nascita. Negli anni il ruolo della Società Italiana degli Autori ed Editori all’interno della selezione indipendente degli autori nell’ambito della Mostra è cresciuto in maniera rilevante, in sintonia con il proprio impegno a favore del cinema italiano. SIAE assegna due riconoscimenti nell’ambito dei Venice Days: un premio ad una personalità di spicco della scena audiovisiva italiana e un premio al talento emergente che sarà individuato tra i film presentati durante le Giornate degli Autori. La Società Italiana degli Autori ed Editori inoltre è main partner del concorso I Love GAI, dedicato ai registi italiani under 40 con l’obiettivo di creare un rapporto sinergico tra creatività, produzione e industria cinematografica che si concluderà nei primi due giorni di settembre al Palazzo del Cinema del Lido di Venezia con le proiezioni dei corti finalisti e la premiazione dei vincitori. 

Related