Laurentum 2021: Premio alla Carriera a Mogol
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Laurentum 2021: Premio alla Carriera a Mogol

Si è svolta ieri la cerimonia di consegna del Premio Laurentum, storica rassegna dedicata alla poesia, arrivata alla sua 35° edizione.

Durante la cerimonia di premiazione, anche quest’anno on line nel rispetto delle disposizioni in materia di contenimento del Covid19, il Presidente della Giuria Gianni Letta ha consegnato i riconoscimenti attribuiti dalla giuria, composta da Angelo Bucarelli, Corrado Calabrò, Luca di Bartolomeo, Simona Izzo, Paolo Lagazzi, Davide Rondoni e Roberto Sergio (Direttore del Premio).

Il Premio Laurentum Edizione 2021 – “Alla Carriera” è andato a Giulio Rapetti Mogol con questa motivazione: "Poeta assoluto, protagonista della musica italiana, per aver creato ed averci fatto dono di canzoni eterne, senza tempo né confini, grandi successi (alcuni dei brani e cover più celebri di sempre), radicati nel panorama artistico italiano, grazie all’espressione di un sentimento umano nel quale tutti possono immedesimarsi ed indentificarsi  ed alla ricerca del senso vero delle cose che hanno tramandato quei brani nel tempo di padre in figlio. Perché “Dove finiscono le parole, inizia la musica” (Heinrich Heine)."

“SIAE è da sempre con piacere e convinzione dalla parte di chi sa tributare il giusto valore al mestiere dell’autore, e dare spazio e tempo a chi con le parole sa farci sognare. La storia culturale del nostro Paese – ha dichiarato il Direttore Generale SIAE Gaetano Blandini - è fatta anche e soprattutto dalle idee e dalle parole con le quali i grandi autori sono stati capaci di tradurre le loro emozioni in versi. Quest’anno il premio “Alla carriera” viene consegnato a Mogol, e per noi di SIAE è una notizia bella due volte. Perché il Maestro Mogol non solo è uno degli autori che rappresentano la storia musicale e culturale d’Italia, ma è il nostro Presidente, e in quanto tale si batte dal primo giorno del suo mandato in difesa del diritto d’autore”.

Il Premio “I Valori della Cultura 2021” è stato assegnato a Vincenzo Mollica.

Del XXXV Premio per la poesia è stato insignito Mario Santagostini, poeta e traduttore, mentre l’XI Premio Dante Alighieri è andato a Jaroslaw Mikolajewski, uno dei più apprezzati poeti polacchi contemporanei, oltre che saggista, scrittore di libri per bambini, pubblicista e traduttore di molti autori italiani.

Letta ha consegnato il Laurentum per la Letteratura Ebraica – Edizione 2021 a Lia Levi.

“Abbiamo scelto di attribuire a Lia Levi questo riconoscimento” – ha commentato Roberto Sergio – “per aver dedicato la propria vita a trasmettere la memoria della Shoah e delle persecuzioni delle Leggi razziali alle generazioni contemporanee e future, a combattere tutte le forme di discriminazione e di persecuzione ancora presenti nella realtà contingente ma anche nell’individuare e stigmatizzare la radice forse più pericolosa dei mali che affliggono la società contemporanea: l’indifferenza verso coloro che soffrono e verso tutte le forme di ingiustizia, rifiuto e di vessazione".

Infine, un Premio Speciale a Jacopo Mastrangelo, il giovane musicista che ha suonato, in piena pandemia Debora's Theme con la sua chitarra elettrica sui tetti di Piazza Navona.