Jazz 4 l'aquila si ferma e cambia volto e località
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Jazz 4 l'aquila si ferma e cambia volto e località

Jazz 4 L'Aquila si ferma e cambia volto e località. Il capoluogo abruzzese avrebbe dovuto ospitare il secondo appuntamento della maratona di jazz italiano sostenuta da SIAE, a sostegno della città vittima del terremoto del 2009.

Tuttavia all'alba del nuovo sisma che ha sconvolto il centro Italia si è resa necessaria una scelta dettata dalla sensibilità e dal bisogno per tutte le parti coinvolte di un momento di raccoglimento. La notizia è stata data ieri dal Maestro Paolo Fresu, direttore artistico della manifestazione, sulla propria pagina Facebook:

"Non ci sono le condizioni perché si mantenga l'evento Il jazz italiano per L'Aquila - ha scritto - Siamo tutti sconvolti e addolorati per questa nuova tragedia, è davvero difficile scrivere qualsiasi cosa. Tutta Musicisti Italiani di Jazz con la quale abbiamo organizzato lo scorso anno la grande maratona del Jazz italiano per l’Aquila assieme all’ I-Jazz e alla Casa Del Jazz, vuole unirsi alle persone colpite dal terremoto".

A conferma delle parole di Paolo Fresu si aggiungono le dichiarazioni di Massimo Cialente, sindaco de L’Aquila: “Capisco che molti ci rimarranno male, ma questo sisma ha riaperto la nostra ferita e ci ha fatto rivedere le stesse scene, quando in tv passano le immagini non si capisce se sono dell’Aquila di sette anni fa o di Amatrice di ieri. Avremmo potuto ospitare qui l’evento nazionale di solidarietà, ma siamo talmente vicini alla tragedia, ospiteremo sfollati e forse perfino delle salme verranno sepolte qui, che non ci è parso proprio il caso”.

Sospeso l’evento rimane l’impegno ad agire ed essere solidali tanto con la città de L’Aquila quanto con le vittime di Amatrice e di tutti i comuni colpiti dal sisma, così come la necessità di dare un segnale forte di aiuto e sostegno, che si sta concretizzando proprio in queste ore in un nuovo evento di beneficenza.

Sempre nelle parole di Massimo Cialente: “Il Jazz per L'Aquila diventa Jazz per Amatrice, un evento di solidarietà di portata nazionale e si sta cercando una piazza importantissima, preferibilmente a Roma, con le riprese Rai per raccogliere fondi”. Un’ipotesi confermata dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini: “Servirà uno spettacolo grandissimo per raccogliere fondi, come Amiche per l’Abruzzo che si tenne a Milano.” 

Related