Il progetto DEA – Donne e Audiovisivo lancia la call #TuCheNePensi?
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Il progetto DEA – Donne e Audiovisivo lancia la call #TuCheNePensi?

Il progetto DEA - Donne e Audiovisivo è entrato in una nuova fase di raccolta delle informazioni sugli squilibri di genere nell'industria dell'audiovisivo. L’obiettivo è trovare storie e punti di vista di donne e uomini che lavorano o studiano nel mondo dell’audiovisivo e che abbiano voglia di raccontare la propria esperienza, le difficoltà incontrate, i successi e anche le discriminazioni.

L’invito è rivolto a registe/i, documentariste/i, direttrici/direttori della fotografia, sceneggiatrici/sceneggiatori, produttrici/produttori e adattatrici/adattatori che vogliano condividere la loro storia dando la disponibilità a realizzare un'intervista scrivendo a dea.irpps@gmail.com e indicando nome, professione e numero di telefono. Le interviste saranno registrate a Roma nel prossimo mese di novembre.

Il progetto DEA si propone di affrontare il tema delle donne nel settore audiovisivo con l’obiettivo di raggiungere la reale parità in un’industria che ha importanza strategica nella formazione (ma anche eliminazione) degli stereotipi di genere.

DEA - Donne e audiovisivo è una ricerca realizzata dall’IRPPS - Istituto di Ricerca sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR. Il progetto, sostenuto da SIAE, ha il patrocinio di UNESCO - Roma città creativa per il Cinema, con la collaborazione di Doc/it - Associazione Documentaristi Italiani, l’Università degli Studi Roma Tre, MIBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e cOOkies adv.

Related