IL PREMIO BIXIO CHIUDE LA V^ EDIZIONE DEL MIA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

IL PREMIO BIXIO CHIUDE LA V^ EDIZIONE DEL MIA

La quinta edizione del MIA | Mercato Internazionale Audiovisivo si è chiusa ieri con la consegna di due premi da parte di partner di primo piano del MIA come Eurimages e Natinal Geographic.

Nel corso della cerimonia, è stato consegnato inoltre Il Premio Carlo Bixio, giunto all’ottava edizione, nato con l’obiettivo di ricordare il grande e lungimirante produttore, e incoraggiare sceneggiatori di serie televisive di età compresa tra i 18 ed i 30 anni.

A questo premio, si aggiunge il premio 'SIAE Idea D'Autore', di 3.000 euro, consegnato a chi ha proposto lo spunto di scrittura più originale, e il premio di RTI di 5.000 euro al miglior concept e 10.000 euro alla migliore sceneggiatura, oltre alla possibilità di firmare un contratto per la realizzazione dei testi vincitori.

Ecco i tre lavori vincitori:

- Ingannamorte & Figli di Vincenzo Cascone, Eleonora Galasso, Lorenzo Ongaro vince il Premio Carlo Bixio per la migliore sceneggiatura, per l’originalità della proposta che riesce ad affrontare temi scomodi e spinosi con ironia e sarcasmo. Una commedia immersa nel territorio vesuviano dove due famiglie, una di becchini e l’altra di camorristi si fanno la guerra, e che grazie ad una scrittura brillante gioca con abilità con gli stereotipi del genere, muovendosi tra i toni dell'umorismo nero, raggiungendo a volte picchi di vero divertimento.

- Il premio SIAE è andato In trap di Elia Andreotti e Luigi Cervellati per l'originalità che mette in scena la musica e l'ambiente Trap come elemento di crescita e formazione, in un racconto teen potenzialmente fuori dagli schemi.

- Fiele di Dario Ascolese, vince il Premio Carlo Bixio per il miglior concept per la sapienza romanzesca con cui in una Napoli violenta e contemporanea ci accompagna nel drammatico percorso del protagonista: un'anima divisa in due tra riabilitazione e crimine.

Related