Nuova Consonanza omaggia il Maestro Morricone: questa sera il secondo concerto
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Nuova Consonanza omaggia il Maestro Morricone: questa sera il secondo concerto

È partita l’11 novembre e proseguirà fino al 21 dicembre la cinquantacinquesima edizione del Festival di Nuova Consonanza, dal titolo “La musica e il suo doppio”. La rassegna, sostenuta da SIAE, organizza concerti, opere di teatro musicale e performance incentrati sulla musica “classica contemporanea”, per un totale di 21 spettacoli. In programma due masterclass, un concorso di composizione, il Premio Giuseppe Scotese per giovani interpreti della nuova musica, un convegno e incontri, conferenze, giornate di studio, di cui due tenute dal Maestro Ennio Morricone.

Proprio ad Ennio Morricone, a celebrazione dei suoi novant’anni, il Festival dedica due concerti: dopo quello di venerdì 16 novembre al Teatro Palladium di Roma, questa sera l'omaggio al Maestro si sposta al Mattatoio,  Un secondo concerto omaggio al Maestro è invece previsto per il 7 dicembre.

Socio di Nuova Consonanza fin dal 1964 e tutt’ora acceso animatore delle attività dell’associazione, Morricone vanta una parabola creativa particolarmente rappresentativa di un modo di intendere la composizione musicale in relazione alle immagini in movimento, al canto e alla recitazione. 
Per il primo appuntamento, Nuova Consonanza aveva chiamato a raccolta quattro compositori di diversa generazione – Luca Lombardi, Franco Piersanti, Carlo Crivelli e Paolo Marchettini – di cui sono stati eseguiti brani in prima assoluta dedicati a Morricone, e dedicato la chiusura al Quarto Concerto per organo, due trombe, due tromboni e orchestra dello stesso Morricone. Il secondo omaggio a Morricone sarà invece affidato all’Ensemble Pentarte diretto da Stefano Cucci, formazione da sempre dedita al repertorio del Novecento storico e della musica d’oggi, con una particolare attenzione proprio per la musica di Morricone. L'Ensamble Pentarte questa sera ripercorrerà il lungo arco compositivo del Maestro riservato alla musica ‘assoluta’: sono tre pezzi per violoncello solo (Riflessi, Come un’onda e Monodia), altrettanti per pianoforte solo (Rag in frantumi, Catalogo, Canone e Ricercare), e per quartetto 2TTX4 (2003) e A.L.P.1928 (1996).

Il concerto omaggia Ennio Morricone con alcune delle sue più rappresentative opere cameristiche – spiega lo stesso Stefano Cucci -. Il catalogo di "musica assoluta" del compositore romano, con più di cento titoli esplorativi di generi diversi, si presenta come la più convincente testimonianza della sua importanza nel panorama delle avanguardie, prima, e della contemporaneità oggi. Dalle esperienze radicali degli esordi, Morricone ha gradualmente preso le distanze in un lungo processo di assimilazione e di rielaborazione che, particolarmente negli ultimi anni, lo ha portato verso il sincretismo linguistico dei lavori più recenti”.

L'evento, in programma alle 21, sarà preceduto dalla presentazione, alle 19, del libro di Stefano Cucci Lontane presenze… L’universo poetico di Ennio Morricone (Lim 2018), in cui interverrà lo stesso Morricone.

 

 

© Foto di Marta Cantarelli

Related