I PIù ASCOLTATI DELL'ESTATE E I PIù VISTI DI OTTOBRE
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

I PIù ASCOLTATI DELL'ESTATE E I PIù VISTI DI OTTOBRE

Le rilevazioni dell’Osservatorio dello Spettacolo SIAE mettono al primo posto della top ten al botteghino Inside Out della Pixar, che torna a essere il film più visto, come in settembre: le emozioni animate di Pete Docter hanno portato nelle sale 1.768.027 persone, seguite dai protagonisti di Hotel Transylvania 2 di Genndy Tartakovsky con 1.522.909 spettatori. Il terzo più visto è Sopravvissuto - The Martian di Ridley Scott, protagonisti Matt Damon e Jessica Chastain, che ha conquistato 1.133.817 ingressi.

Seguono, dal quarto al decimo posto: Suburra di Stefano Sollima (721.404), Padri e figlie diretto da Gabriele Muccino (569.229), Everest di Baltasar Kormákur (436.943); Black Mass – L’ultimo gangster di Scott Cooper, protagonista Johnny Depp (427.215); Maze Runner – La fuga di Wes Ball, sequel di Maze Runner – Il labirinto (408.815), Io che amo solo te di Marco Ponti, con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti e Michele Placido (357.095) e infine Lo stagista inaspettato di Nancy Meyerscon con Robert De Niro e Anne Hathaway (328.692).

Per quanto riguarda i dati dei concerti di musica leggera relativi al terzo trimestre del 2015, è Ligabue con la data del 19 settembre a Campovolo a registrare il maggior afflusso del pubblico con 147.211 biglietti. Al secondo posto ci sono gli AC/DC all’Autodromo di Imola (9 luglio, 90.241) e Jovanotti allo Stadio Olimpico di Roma (12 luglio, 57.250). Jovanotti conquista anche l’ottava e la nona posizione con il concerto al Dall’Ara di Bologna (8 luglio, 39.486) e allo Stadio Artemio Franchi di Firenze (4 luglio, 38.115).

Tiziano Ferro si aggiudica due posizioni: la quarta e la sesta, con due date al Meazza di Milano (4 e 5 luglio, 51.109 e 43.010). Per Vasco Rossi tre posti in top ten: al San Paolo di Napoli (3 luglio, 49.399), allo Stadio Euganeo di Padova (12 luglio, 41.798) e al San Filippo di Messina (8 luglio, 37.838).

La foto è di Jarno Iotti

Related