I LOVE GAI 2017, A VENEZIA I REGISTI E I CORTI DEL NUOVO CINEMA ITALIANO
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

I LOVE GAI 2017, A VENEZIA I REGISTI E I CORTI DEL NUOVO CINEMA ITALIANO

Mancano pochissime ore all’avvio ufficiale della due giorni veneziana di I Love GAI – Giovani Autori Italiani, il concorso dedicato ai giovani registi italiani sotto i 40 anni nato da un’iniziativa SIAE in collaborazione con Lightbox, che oggi e domani arriva al Lido di Venezia in concomitanza con la 74. Mostra del Cinema.

Dopo il grande successo di critica e pubblico dello scorso anno, I Love GAI ha raccolto fino allo scorso 31 maggio le candidature di quasi 200 giovani registi, che hanno presentato corti con una durata massima di 20 minuti di qualunque formato e genere, creati dopo il primo gennaio 2016. A tracciare il fil rouge di questa edizione è la tematica dell’inclusione sociale: opere che raccontano storie al margine, sia della società che dell’attenzione, e veicolano argomenti forti, quali l’identità di genere, la violenza sulle donne, le minoranze invisibili, o l’amore tra disabili e diversi.

Dalle 16 di oggi pomeriggio, in programma nella Sala Pasinetti del Palazzo del Cinema ci sono le proiezioni dei corti finalisti: Andrea Beluto con Salifornia, Maurizio Forcella con Timballo, Adriano Giotti con Esseri di Stelle, Aldo Iuliano con Penalty, Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti con A Girl Like You, Giuseppe Francesco Maione con Adele, Manuel Marini con Olvidate de eso, Gaetano Maria Mastrocinque con Il fuoco degli uomini, Giulio Mastromauro e Alessandro Porzio con Valzer, Alfredo Mazzara con La Barba, Pietro Pinto con Rosita, Mario Piredda con A casa mia, Alessandro Porzio con Mattia sa volare, Cristina Puccinelli con Stella Amore, Marco Santic con L’Attrazione Gravitazionale del Professor D.,  Marta Savina, Viola con Franca, Lorenzo Sepalone con Ieri e domani, Nicola Sorcinelli con Moby Dick.

I lavori già vagliati dal comitato di selezione de concorso (formato da Massimo Coppola, consulente per le strategie editoriali presso la Direzione Generale RAI, Andrea Purgatori, giornalista e Consigliere di Gestione SIAE e Mara Sartore, direttrice di Lightbox) passano adesso alla giuria composta dal regista Giuseppe Piccioni (Fuori dal mondo, Luce dei miei occhi, Questi giorni), dal produttore Francesco Bonsembiante, fondatore assieme a Marco Paolini della casa di produzione Jolefilm, e da Géraldine Gomez, mente creativa da 12 anni del festival Hors Pistes del Centre Pompidou, che dovrà decretare il migliore tra i diciannove nomi emergenti del nuovo cinema italiano.

Dalle 23 di domani con ingresso libero, grande evento conclusivo di I Love GAI al Lido presso Isola Edipo, dove si celebrerà la serata finale del concorso con la proclamazione del vincitore e le menzioni speciali dell’edizione 2017.

Related