GLI OTTANT'ANNI DI LINO BANFI, DALLA COMMEDIA ALLA FICTION HA RACCONTATO MEZZO SECOLO D'ITALIA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

GLI OTTANT'ANNI DI LINO BANFI, DALLA COMMEDIA ALLA FICTION HA RACCONTATO MEZZO SECOLO D'ITALIA

È nato il 9 luglio ma all’anagrafe, dove è registrato come Pasquale Zagaria, è stato segnato l’11, e così ha sempre festeggiato due giorni dopo. Compie oggi ottanta anni uno dei nostri attori più popolari, amato da un pubblico trasversale come il percorso della sua carriera. Perché se è vero che tutto è partito dall’avanspettacolo e dalla commedia all’italiana che gli hanno regalato la notorietà attraverso l’immagine dei vari personaggi dei suoi film, è altrettanto vero che Lino Banfi è riuscito a reinventarsi e a piacere a tutta quella fascia di telespettatori che lo conosce e lo segue come il Nonno Libero della fortunata fiction “Un medico in famiglia”.

Il caratterista originario di Andria, che del suo dialetto ha fatto una cifra super personale, esordisce come cantante nelle feste musicali della sua cittadina; a diciotto anni si trasferisce a Milano per tentare la strada del varietà. Il suo nome d’arte, Banfi, che subentrò a sostituire Lino Zaga, fu scelto nientemeno che da Totò, che gli disse: “Cambialo, perché i diminutivi del nome portano bene, quelli del cognome portano male", come lui stesso ha raccontato in un'intervista al Corriere della Sera.

Coprotagonista di moltissime pellicole di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, lavora anche con Enrico Montesano, Lando Fiorini, Monica Vitti, Alberto Sordi e tutti i grandi nomi del cinema italiano. Nella stagione della commedia sexy condivide il set con Lando Buzzanca, Renzo Montagnani, Mario Carotenuto e con le attrici più belle, da Barbara Bouchet a Gloria Guida, da Edwige Fenech a Nadia Cassini. Negli anni Ottanta - periodo in cui si identifica con il personaggio di Oronzo Canà (L’allenatore nel pallone) - lo troviamo spesso in coppia con Paolo Villaggio, Massimo Boldi, Renato Pozzetto.

Ambasciatore ufficiale Unicef, riceve nel 1996 dal Giffoni Film Festival il premio François Truffaut, e oggi festeggerà i suoi ottanta all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma dove è ospite dell’anteprima ufficiale della 46ª edizione del Giffoni. 

Related