Giornate degli Autori, a Francesco Zizola il Premio SIAE per il talento creativo
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Giornate degli Autori, a Francesco Zizola il Premio SIAE per il talento creativo

La Società Italiana degli Autori ed Editori è al fianco delle Giornate degli Autori sin dalla loro fondazione in qualità di partner di primaria importanza per la selezione indipendente nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Ogni anno, SIAE sceglie un autore italiano emergente per segnalare un “talento creativo” che intende accompagnare nel suo percorso artistico. E lo fa nell’ambito dei registi italiani selezionati dalle Giornate degli Autori. Quest’anno il Premio va a Francesco Zizola, fotoreporter di statura internazionale ma al suo esordio come regista con il cortometraggio As If We Were Tuna, evento speciale nella selezione della rassegna indipendente promossa da Anac e 100autori.

La menzione di SIAE premia Francesco Zizola per come sorprende al suo esordio come regista con il film breve As If We Were Tuna  per un linguaggio visuale di grande intensità, per l’abilità con cui utilizza il suono e l’immagine in un “Atto senza parole” che rimanda alla tradizione classica e suona, al contempo, ammonimento per l’uomo contemporaneo a contatto con la natura e le sue radici”. Il Premio SIAE per il talento creativo viene consegnato a Francesco Zizola in occasione della presentazione del suo film in Sala Perla 2, stasera alle ore 22.00.

Laureato in antropologia, Francesco Zizola ha vinto nel 1996  il World Press Photo of the Year. Dal 1986 le sue fotografie sono apparse su riviste di tutto il mondo (“The New York Times”, “Stern”, “Der Spiegel”, “El Mundo”) e ha ricevuto un totale di sette riconoscimenti. Mostre fotografiche di Zizola sono state allestite in tutta Europa. Sono stati inoltre pubblicati quattro suoi libri fotografici: Ruas, che ha vinto il MIFAV come miglior libro fotografico del 1994, Sei Storie di Bambini, Stati d’infanzia, Né Quelque Part/Born Somewhere, frutto di un reportage di dodici anni sulle condizioni dei bambini in tutto il mondo. Nel 2008 fonda con altri prestigiosi fotografi l’agenzia Noor. 

Related