Giornate degli Autori, appuntamento alla quindicesima edizione
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Giornate degli Autori, appuntamento alla quindicesima edizione

L'edizione 2017 delle Giornate degli Autori, di cui SIAE è partner sin dalla loro nascita, si è conclusa venerdì scorso con i premi consegnati durante la cerimonia alla Villa degli Autori. La giuria, presieduta dalla regista iraniana Samira Makhmalbaf, e composta dai membri del progetto 28 Times Cinema - ventotto giovani cinefili ciascuno proveniente da un Paese dell’Unione Europea – ha assegnato il GdA Director’s Award al film Candelaria di Jhonny Hendrix Hinestroza.  “Questo è uno di quei rari casi in cui un film trasmette generosità e calore al pubblico mostrando un modo non convenzionale di riscoprire l’amore tra due anziani che lottano per sopravvivere a Cuba – si legge nella motivazione - Nella sua forma visiva, il film mette insieme le performance di due attori eccezionali, una cinematografia carica di significato, i caldi colori latini, uno sviluppo della storia inaspettato e un profondo messaggio sociale”.

Il Premio comprende un contributo in denaro di 20.000 euro che viene egualmente ripartito tra il regista e il venditore internazionale del film, che si impegna a utilizzare la cifra ricevuta per la promozione dell’opera.

La pellicola delle Giornate degli Autori più votata dal pubblico, tra i titoli in concorso, è stata invece Longing del cineasta israeliano Savi Gabizon, una riflessione dolce-amara sulla morte e sul ruolo di padre, che ha ricevuto il Premio del Pubblico promosso da BNL Gruppo BNP Paribas.

A Sara Forestier, al debutto dietro la macchina da presa con M, è andato il Label Europa Cinemas, riservato ai film di produzione e co-produzione europea, “per la sua poetica e sincera descrizione delle differenze, per la regia magistrale e le interpretazioni eccellenti di tutto il cast”. M ha conquistato anche due Premi Fedeora (assegnati dalla Federazione dei Critici Cinematografici Europei e del Mediterraneo), quello per la miglior regista esordiente (Sara Forestier) e quello per il miglior attore (Redouanne Harjane). Il Premio Fedeora per il miglior film è andato invece a Eye on Juliet di Kim Nguyen.

Federica Rosellini, protagonista di Dove cadono le ombre di Valentina Pedicini, ha ottenuto il Nuovo Imaie Talent Award insieme a Mimmo Borrelli, protagonista de L’equilibrio di Vincenzo Marra.

Proprio alla regista di Dove cadono le ombre è stato assegnato il Premio Edipo Re, mentre il Premio Lanterna Magica è andato al film  di Vincenzo Marra L’equilibrio.

Un’edizione fortunata, quella delle Giornate 2017, piena di emozioni arrivate innanzitutto dai film e poi dagli eventi, dagli incontri e dagli ospiti. Ventinove i film presentati: accanto ai dodici lungometraggi in concorso, documentari fuori concorso, eventi e proiezioni speciali. Più di novemila presenze in sala per incontrare gli autori e scoprire le loro ultime opere.

Oltre ai registi e agli attori che hanno presentato i loro film e scelto la Villa per gli incontri con la stampa, sono stati tanti gli ospiti prestigiosi che hanno frequentato proiezioni ed eventi delle Giornate: Robert Guediguian, Arianne Ascaride, Saverio Costanzo, Abel Ferrara, Alba Rohrwacher, Milena Mancini, Eliah Suleiman e Daniele Vicari, John Landis, Sofia Djama, Paola Turci, i Manetti Bros, Hagai Levi, Tsai Ming Liang, Vikas Khanna.

L’appuntamento è per il 2018 con le Giornate degli Autori, che festeggeranno il loro quindicesimo anno di vita.

 

Related