Giornate degli Autori 2019, la presentazione alla Casa del Cinema di Roma
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Giornate degli Autori 2019, la presentazione alla Casa del Cinema di Roma

È stata presentata questa mattina alla Casa del Cinema l’edizione 2019 delle Giornate degli Autori, in calendario dal 28 agosto al 7 settembre nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Dirette da Giorgio Gosetti, le Giornate sono presiedute quest’anno per la prima volta da Andrea Purgatori. Sono 11 i film in concorso a cui si aggiungono otto eventi speciali, compresi i “Miu Miu Women’s Tales” e il film di chiusura Les chevaux voyageurs, dedicato al “Re dei cavalli” Bartabas, le sette “Notti Veneziane” alla Villa degli Autori, senza dimenticare gli incontri, gli omaggi ed i progetti speciali promossi dalle due associazioni ANAC e 100autori.

Per Andrea Purgatori “l’impegno che le associazioni degli autori italiani mettono nell’organizzazione è ripagato ogni anno dal successo della selezione e dal dibattito che ruota attorno alle Giornate, sui diritti degli spettatori, sulla tutela del diritto d’autore e lo stato della produzione, sul confronto costante con le altre cinematografie”.

Quest’anno sono rappresentate complessivamente diciotto nazionalità mentre sono quattro le opere prime in concorso e sei le donne dietro la macchina da presa. Uno scontro di culture che mette a nudo le fragilità del mondo contemporaneo, conteso tra una tendenza all’omologazione e la vitalità di radici ancestrali che non si piegano alla massificazione: è questo il filo rosso che lega tutti i titoli in programma alle Giornate degli Autori. L’altro elemento distintivo è una vocazione alla ricerca di linguaggi “pop” che stimolino la curiosità di pubblici diversi.

Nella sezione competitiva delle Giornate, c’è il film italiano del fumettista Igort che presenta la sua opera prima 5 è il numero perfetto, storia di camorra ambientata nella Napoli degli anni '70, tratta dalla sua omonima graphic novel. Nel cast Toni Servillo, Valeria Golino, Carlo Buccirosso e Iaia Forte. Ancora Italia tra gli eventi speciali con Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani, interpretato da Isabella Ragonese, tra dramma e fantasy, che racconta la storia di un ragazzo affetto da sindrome di Down che nella mente del fratellino diventa un supereroe, tratto dal romanzo di Giacomo Mazzariol. E ancora Il prigioniero di Federico Olivetti, prima mondiale con Sabrina Impacciatore, su due sposini di paese coinvolti in una storia di furti, sparizioni e misteri, e Scherza con i fanti di Pannone & Sparagna, distribuito da Luce Cinecittà e Mondo Sexy di Mario Sesti, ricostruzione attraverso sequenze dei documentari degli anni '60 del corpo femminile, chiamando in causa Bataille e Barthes.

“Fin dall’immagine dell’anno, realizzata grazie all’amichevole disponibilità di due registi legate alle Giornate come Alice Rohrwacher (per la cortesia di Fabio Lovino) ed Edoardo De Angelis, appare chiara la vocazione autoriale e sbarazzina insieme della nostra proposta” ha detto Giorgio Gosetti.

Anche nel 2019 le Giornate degli Autori cominceranno prima della Mostra con la quinta edizione di Laguna Sud con un omaggio al cinema italiano scelto o amato dalle Giornate, un laboratorio di corti aperto alla cittadinanza e il nuovo concorso internazionale Lagune il cui vincitore verrà premiato alla Villa degli Autori. Si concluderanno invece dopo la Mostra con la ripresa della selezione a Milano e Roma e infine a Palermo in collaborazione con la Sede siciliana del CSC e la Sicilia Film Commission.

La Società Italiana degli Autori ed Editori rinnova ancora una volta il legame con le Giornate degli Autori che incarnano la ragione del lavoro svolto da SIAE, la tutela della creatività e dell’opera dell’ingegno, attribuendo in particolare un premio a Marco Bellocchio, che terrà una masterclass nel corso della rassegna. 

Related