GESAC, IL DG SIAE GAETANO BLANDINI ELETTO NEL BOARD; JEAN-NÖEL TRONC (SACEM) NUOVO PRESIDENTE
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

GESAC, IL DG SIAE GAETANO BLANDINI ELETTO NEL BOARD; JEAN-NÖEL TRONC (SACEM) NUOVO PRESIDENTE

Si è tenuto nella giornata di ieri l’appuntamento annuale con il General Meeting di GESAC, il Gruppo Europeo delle Società di Autori e Compositori con sede a Bruxelles.

L’assemblea, svoltasi in videoconferenza, ha annunciato l’elezione del Board, con l’ingresso di SIAE nella persona del Direttore Generale Gaetano Blandini.

Assieme al Direttore Blandini, a rappresentare l’intera membership di GESAC nel Board saranno i CEO Karsten Dyhrberg Nielsen di STIM (Svezia), Gernot Graninger di AKM (Austria), José Jorge Letria di SPA (Portogallo) e Carine Libert di SABAM (Belgio), assieme a Victor Finn di IMRO (Irlanda), András Szinger di Artisjus (Ungheria) e Harald Heker di GEMA (Germania).

Contestualmente, è stato proclamato Presidente del Board il Direttore Generale della società di collecting francese SACEM Jean-Nöel Tronc, che nel suo mandato biennale sarà affiancato da Finn, Szinger e Heker nel ruolo di vice-presidenti.

“L’ingresso di SIAE, sesta società di collecting al mondo, all’interno del Board di GESAC è insieme un grande onore per l’Italia e una grande responsabilità per la nostra Società e per il nostro Paese. L’Italia con la sua cultura ispira e ha ispirato i popoli – ha dichiarato a margine dell’elezione il Direttore Generale di SIAE Gaetano Blandini – e contribuito a far grande l’Europa; al tempo stesso, per prima ha dovuto sperimentare gli effetti della chiusura dovuta all’emergenza sanitaria. Soprattutto in questo momento così drammatico per l’industria culturale e creativa, SIAE è dalla parte di chi crea, e, come è avvenuto nel recente passato con la Direttiva Copyright, è pronta a proteggere con le altre società consorelle europee gli interessi dei suoi autori ed editori”.

Il lavoro del Board nei prossimi due anni sarà infatti di cruciale importanza per potenziare il rapporto tra le società d’autori e le istituzioni europee nella delicata fase di ripresa post Covid-19.

“Il settore culturale, con il blocco dei live e degli spettacoli, è uno dei più colpiti dall’emergenza sanitaria, il primo a fermarsi ancora prima del lockdown e l’ultimo a risentire degli effetti della chiusura”, ha dichiarato il neoeletto Presidente del Board Tronc nel comunicato diramato da GESAC. “C’è bisogno – aggiunge Tronc – di fare della cultura e della creatività una priorità nei piani di ripresa comunitari e nell’agenda della Commissione, del Parlamento e dei governi dell’Unione Europea. In questo senso, GESAC ha una grande responsabilità: rappresenta i creatori di tutte le arti e di tutte le origini; il modello no-profit di gestione collettiva del diritto d’autore è stato inventato in Europa, e il ruolo e l’esempio delle società di autori europee è seguito e riconosciuto a livello globale”.

La stessa urgenza è stata sottolineata dal Presidente uscente, il portoghese José Jorge Letria: “Nella crisi attuale, GESAC si trova ad affrontare una delle sue sfide più grandi, che richiede fermezza e determinazione a livello europeo per difendere gli autori, le società di autori e la cultura stessa. Il nuovo Board di cui ho l’onore di fare parte sarà capace, assieme al Presidente Tronc, di trovare le migliori soluzioni e risposte all’emergenza."

 

Related