A Firenze la mostra dedicata a Cesare Andrea Bixio
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

A Firenze la mostra dedicata a Cesare Andrea Bixio

Approda a Firenze, da domani e fino al 2 aprile prossimo, presso la Galleria delle Carrozze del Palazzo Medici Riccardi in via Cavour, la mostra C.A. Bixio - Musica e Cinema nel Novecento italiano, patrocinata da SIAE. Una mostra dinamica che parte dalla produzione discografica di un grande autore per raccontare il costume del secolo scorso attraverso manifesti, foto, partiture, documenti inediti, filmati, brani musicali, installazioni video e molto altro.

“Mio padre ha scritto le musiche per i varietà più importanti del suo tempo. Amava seguire gli spettacoli per i quali componeva per constatare personalmente l’impatto che le sue canzoni avevano sul pubblico - ha dichiarato Franco Bixio, che con il fratello Andrea ha curato la mostra - Proprio in uno dei suoi tanti viaggi, dopo teatro, in una fiaschetteria di Firenze scopre la voce di Carlo Buti, per il quale compone proprio Madonna Fiorentina, contribuendo così in modo decisivo al successo dell’interprete”.

Cesare Andrea Bixio è stato musicista, inventore della canzone in lingua italiana, autore tra gli anni Venti e Trenta dei più seguiti spettacoli di varietà e cabaret, ma anche geniale industriale, editore di partiture musicali con vere e proprie opere d' arte futuriste, déco e liberty in copertina, fondatore della prima casa editrice di musica leggera a Milano, fondatore della prima casa discografica di colonne sonore. Non solo: Bixio è stato grande amico di personaggi come Vittorio De Sica, i fratelli Eduardo, Peppino e Titina De Filippo, Totò, Anna Magnani, Walter Chiari, Beniamino Gigli, Luciano Tajoli, Giuseppe Di Stefano, Josephine Baker, Luciano Pavarotti e tanti altri, per i quali ha scritto varietà, musiche e canzoni con l'apporto dell'inseparabile paroliere Bixio Cherubini, predestinato già dal nome di battesimo a dar vita al primo binomio della canzone italiana. Ha rivoluzionato il mondo del cinema creando le musiche per il primo film sonoro italiano e la prima casa discografica, Cinevox Record, dedicata alle colonne sonore di musicisti come Morricone, Rota, Piovani, Goblin, Keith Emerson. Le sue canzoni, come Mamma, Parlami d' amore Mariù, Vivere, Violino Tzigano, Il tango delle capinere, La canzone dell’amore sono delle vere e proprie pietre miliari, cantate e conosciute in tutto il mondo e riattualizzate da numerosi artisti.

Related