E’ di Napoli la prima Music Commission italiana per il rilancio del settore musicale
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

E’ di Napoli la prima Music Commission italiana per il rilancio del settore musicale

In occasione del Digital Music Forum 2016, evento organizzato dall’Università Federico II di Napoli in collaborazione con FIMI, è stata presentata ieri, martedì 10 maggio, la Campania Music Commission (CMC), associazione no profit che punta ad incentivare le produzioni musicali e creare una rete virtuosa di nuove imprese per il rilancio del settore.

Tanti i players del comparto musicale che hanno dato subito il consenso al nuovo progetto: SIAE, Unione Industriali, Google Italia, FIMI, Campania Film Commission, ma anche i principali rappresentanti della discografia nazionale e le associazioni di settore.

Ideata dall’avvocato Ferdinando Tozzi, esperto di diritto d’autore, la CMC è la prima nel panorama italiano. Un'iniziativa strategica per il territorio che opera come le già esistenti Film Commission: consapevole del valore dell'idustria culturale italiana, attrae investimenti nazionali ed esteri con protocolli di intesa, incentiva lo sviluppo di nuove iniziative locali, mette a disposizioni di giovani imprenditori risorse e competenze. E ancora: sviluppa progetti in chiave internazionale per la valorizzazione del patrimonio artistico regionale, organizza incontri formativi con i diversi operatori della filiera musicale, promuove la cultura della legalità nel rispetto della proprietà intellettuale e del diritto d'autore.

In cantiere ci sono già numerosi progetti: la "Campania Music @work", pensata per l'interazione tra le diverse professionalità del mondo della musica, le collaborazione con i Conservatori, la realizzazione di un social museum della canzone napoletana e molti altri che verranno presentati ufficialmente in occasione della Festa della Musica, in calendario il prossimo 21 giugno.

Al Digital Music Forum 2016, sono stati illustrati anche i dati relativi al mercato discografico italiano: nel 2015 è cresciuto del 21%, confermando l’andamento positivo del 2013 e 2014. Cresce anche lo streaming che rappresenta il 41% del comparto e risale nelle vendite il cd (+ 17%), soprattutto di musica italiana e il vinile (+ 56%).

Related