Domani c’è la “Notte bianca della legalità”: concerti, mostre e dibattiti nel Tribunale di Roma
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Domani c’è la “Notte bianca della legalità”: concerti, mostre e dibattiti nel Tribunale di Roma

Saranno delle lezioni speciali quelle in programma domani, sabato 7 maggio, presso il Tribunale di Roma. Dalle 15 alle 23.30, il Palazzo di Piazzale Clodio aprirà le sue porte per la “Notte Bianca della Legalità”, la seconda edizione dell’iniziativa promossa dall’Associazione Nazionale Magistrati di Roma e del Lazio e che riceve il contributo di SIAE.

L’evento, non aperto al pubblico, offre un programma variegato: tavole rotonde, concerti e mostre consentiranno ai 1400 studenti provenienti da 54 Istituti Superiori di Roma e del Lazio di confrontarsi con professori universitari, magistrati, avvocati e personaggi dello spettacolo sui numerosi temi della legalità nella società attuale. Tra i 27 percorsi nel mondo della legge, non poteva mancare lo spazio dedicato al diritto d’autore, approfondimento sull’importanza del rispetto delle prerogative autorali, sinonimo di garanzia del diritto del lavoro per chi crea opere dell’ingegno.

Molte le Autorità che saranno presenti, tra cui: il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, il Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il Commissario Prefettizio del Comune di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, il Consigliere CSM Maria Rosaria San Giorgio.

Per l’importanza del tema, la manifestazione andrà oltre i tradizionali tavoli tecnici e vedrà la partecipazione di personalità note del cinema, dello sport, del giornalismo e della musica come Carlo Verdone, Milena Gabanelli, Marco Travaglio, Alberto Angela, Laura Morante, Fabrizio Frizzi, Claudio Santamaria, Ascanio Celestini, Paola Cortellesi, Fabrizio Moro, Ambra Angiolini, Nicolas Vaporidis, Max Pezzali, Alessandra Amoroso, Flavia Tartaglini, Giulia Quintavalle, Patrizio Oliva e Simone Raineri, uniti insieme nel nome della cultura della legalità, valore imprescindibile per la società civile.

Related