Dal primo giugno i ragazzi del piccolo cinema america si fanno in tre
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Dal primo giugno i ragazzi del piccolo cinema america si fanno in tre

Si è svolta questa mattina allo spazio We Gil di Largo Ascianghi a Roma la conferenza stampa di presentazione de “Il cinema in piazza”, il progetto del Piccolo Cinema America che SIAE sostiene da tre anni come main sponsor.

Un progetto che quest’anno si fa in tre: dalla location di piazza San Cosimato a Trastevere, la rassegna si sposta in tre sedi, proponendo un ricchissimo cartellone con ben 201 proiezioni (190 opere cinematografiche differenti e proiezioni in versione originale con sottotitoli in italiano), maratone notturne fino all’alba, dibattiti con registi, attori e sceneggiatori, retrospettive, grandi classici del patrimonio nazionale e internazionale, nonché film dedicati ai più piccoli e 50 incontri con grandi ospiti - tra gli altri Gigi Proietti, Matteo Garrone, Asia Argento, Marco Bellocchio, Giuliano Montaldo, Mario Martone, Michele Placido, Silvio Orlando, Francesco Bruni, Nicola Piovani, Franco Micalizzi, Alba Rohrwacher, Daniele Luchetti, Cristina Comencini, Daniele Vicari, Ferzan Özpetek, Ivan Cotroneo, Gianni Zanasi, Roberto Andò - dal 1° giugno all’8 settembre (qui il programma completo).

Quattro gli omaggi: Carlo Verdone per Pietro Germi, Luca Zingaretti per Michael Cimino, Riccardo Scamarcio per Francesco Rosi e Libero De Rienzo per Bela Tàrr.

Parteciperanno, inoltre, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – L’alba del Cinema”, nata con il sostegno di MIBACT e SIAE nell’ambito dell’iniziativa “SILLUMINA – Copia privata per i giovani e per la cultura” Matteo Rovere, Stefano Lodovichi, Bonifacio Angius, Irene Dionisio, Alberto Caviglia, Tommaso Agnese, Michele Vannucci, Ferdinando Cito Filomarino, Giorgia Farina, Caterina Carone, The Pills e molti altri.

In programma anche 12 rassegne e retrospettive dedicate a Pedro Almodóvar, Hayao Miyazaki e Matteo Garrone (A Tor Sapienza), a Federico Fellini, Tim Burton, Sofia Coppola, Pier Paolo Pasolini, Quentin Tarantino e Classici Disney (a Ostia) e a Trastevere Ingrid Bergman, Paul Thomas Anderson, Darren Aronofsky “Dario Argento Propone”, Franco Zeffirelli, Woody Allen e Classici Disney a Trastevere. Il 22 giugno un evento speciale al Kennedy: la Casa Internazionale delle Donne presenta “Roma città aperta” di Roberto Rossellini.

“Dalla periferia siamo partiti e in periferia torniamo. Chi ci è nato e cresciuto, come quasi tutti noi, lo sa. Sa cosa significa macinare chilometri sui mezzi pubblici per raggiungere una libreria, un cinema, un teatro, un museo, o, più banalmente, un posto dove incontrarsi la sera con gli amici. E sa cosa significa sentirsi stretti in un quartiere tanto grande e popolato, eppure così povero di socialità e di cultura. Così anche noi abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e sostituire al vuoto e al silenzio la partecipazione. L’esperienza degli scorsi anni ha dimostrato come l’attività culturale e sociale non si ferma alla sola programmazione cinematografica di un’arena o di una sala, ma è in grado di rappresentare e promuovere una crescita, anche economica, di tutte le attività di un quartiere. La modalità dell’accoglienza, la cura nelle relazioni, la costruzione condivisa di un evento generano non solo una grande capacità di attrazione ai luoghi, ma anche nuove visibilità comunicative oltre i confini dei singoli territori. In quest’ottica, operare all’interno del progetto di rilancio del Porto Turistico di Roma rappresenta una sfida importante e significativa, che apre nuovi orizzonti nelle nostre prospettive future” dichiarano i ragazzi del Cinema America. "Il rapporto con la Società Italiana degli Autori ed Editori è un enorme riconoscimento del valore dell’opera cinematografica nell’interazione e nel confronto tra chi la crea e chi la fruisce. Ricostruendo, attraverso incontri e dibattiti, un legame affettivo e intellettuale tra le opere e il pubblico, si invoglia quest’ultimo a sostenerne lo sviluppo, riuscendo così ad arginare la pirateria”, aggiungono.

 “Ormai da qualche anno SIAE ha il piacere di essere al fianco dei ragazzi del Piccolo Cinema America e del loro progetto, che è riuscito a coniugare in una formula vincente la passione per la settima arte e l’amore per il territorio raccontando, attraverso grandi classici e nuovi cult, le complessità dell’opera cinematografica anche attraverso i tantissimi incontri con gli Autori, creatori di sogni. Il diritto d’autore fa vivere chi ci fa sognare” dichiara Gaetano Blandini, Direttore Generale SIAE. “Siamo noi a dover ringraziare questi ragazzi per le cose importanti che fanno per la nostra città. Questo gruppo è riuscito a trasformare un problema in una opportunità, esprimendo valori come la legalità e l’importanza dell’industria culturale, che è la terza industria del Paese. Valori che sono nel dna della nostra Società”.

Related