DA BAGHERIA AD AOSTA, ECCO LE 900 BELLEZZE DELLE GIORNATE FAI DI PRIMAVERA
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

DA BAGHERIA AD AOSTA, ECCO LE 900 BELLEZZE DELLE GIORNATE FAI DI PRIMAVERA

Sabato 19 e domenica 20 marzo mettete in calendario 900 visite a contributo libero grazie alle Giornate FAI di Primavera, l’iniziativa che in 24 anni ha aperto le porte di 9.200 luoghi a 8 milioni e mezzo di spettatori.

Per questa edizione, 900 i beni straordinariamente accessibili, distribuiti in 380 località e venti regioni: luoghi di culto e di svago, palazzi e ville, borghi e quartieri, castelli e torri, musei nazionali e più piccoli, archivi e biblioteche. E parchi, giardini, boschi, percorsi naturalistici, aree archeologiche, mostre, concerti e persino frantoi, aziende agricole e cantine vitivinicole. Per accontentare le inclinazioni di tutti.

Alcune visite sono davvero eccezionali, come quella alla Chiesa di Santa Maria della Valle (o della Vaglia, nella foto): chiusa al pubblico da moltissimi anni, è la più grande chiesa rupestre di Matera ed è stata scavata nel tufo lungo l’antica via Appia. Tra le altre meraviglie in programma, il borgo e il Castello Normanno di Morano Calabro, la Biblioteca dei Girolamini e i Sotterranei gotici della Certosa di San Martino a Napoli, il Palazzo della Mercanzia di Bologna, il Punto Franco Vecchio del Porto di Trieste, l’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio a Roma, il Complesso conventuale di Sant’Agostino a Tuscania, il convento della SS. Annunziata ad Ascoli Piceno, la Biblioteca del Seminario Vescovile a Casale Monferrato, l’Ex Convitto Palmieri a Lecce, il Villaggio bizantino di Vallone Canalotto a Calascibetta, il Museo dell’Acciuga di Aspra a Bagheria, il borgo di Lucignano, l’area megalitica di Saint- Martin-de-Corléans ad Aosta, ma anche la tradizionale processione che il Sabato Santo si snoda tra le vie di Caulonia e 50 itinerari per gli amanti della bicicletta.

Per il programma completo e sue possibili variazioni consultare il sito www.giornatefai.it

 

Foto di Claudio Morelli © Archivio iconografico RCS Libri Spa

Related