CON UNA PANTERA NERA ARRIVA IN LOMBARDIA IL "NOIR IN FESTIVAL"
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

CON UNA PANTERA NERA ARRIVA IN LOMBARDIA IL "NOIR IN FESTIVAL"

È una pantera nera il simbolo del nuovo Noir in Festival, la rassegna cinematografica che lo scorso anno ha compiuto un quarto di secolo e, lasciata Courmayeur, continua la sua attività attenta a tutte le contaminazioni e le mutazioni del genere tra cinema, letteratura, televisione e graphic novel, storia e cronaca.

I giorni sono dall’8 all’11 al Teatro Sociale di Como e dall’11 al 14 a Milano (allo IULM 6, allo Spazio Anteo e allo Spazio Oberdan della Cineteca Italiana), con due eventi fuori programma: il primo è domani a Como, dove sarà consegnato il Raymond Chandler Award a Roberto Saviano; l’altro è il 15 all’auditorium di IULM con la finale del game Fight Cult dedicato al film noir italiano degli anni 2000.

Sostenuto da SIAE e diretto da Giorgio Gosetti, Marina Fabbri e Gianni Canova, il Noir in Festival avrà quest’anno otto film in concorso (Il permesso. 48 ore fuori di Claudio Amendola, Three, il thriller di Johnnie To, Blood Father di Jean-François Richet, Iris di Jalil Lespert, Wulu di Daouda Coulibaly, The Oath di Baltasar Kormákur, El hombre de las mil caras di Alberto Rodríguez e La larga noche de Francisco Sanctis di Francisco Márquez e Andrea Testa), tre fuori concorso, due cortometraggi d’autore, tre programmi retrospettivi (in collaborazione con la Cineteca Italiana), un’iniziativa speciale ideata con Istituto Luce – Cinecittà dedicata alla cronaca nera in Lombardia (con la presentazione del nuovo lavoro di Gianfranco Giagni, Le scandalose) e un omaggio a Tim Burton con una serata speciale nel segno di Miss Peregrine.

Tra gli ospiti Adriano Giannini e Pascal Bonitzer, Dario Argento e Gabriele Salvatores, Gianrico Carofiglio e Carlo Lucarelli, Pino Insegno e Vinicio Marchioni, Jean François Richet e Johnnie To, Mai Jia e Donato Carrisi, Massimo Carlotto e Jesper Stein, Maurizio De Giovanni e Claudio Amendola.

A completare il cartellone cinematografico dell'edizione numero 26 anche due anteprime mondiali, Un sac de billes di Christian Duguay e Collateral Beauty di David Frankel, film fuori concorso, retrospettive e omaggi.

 

Related