attraente, produttiva e digitale: ecco l'italia creativa
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

attraente, produttiva e digitale: ecco l'italia creativa

«Dobbiamo essere tutti consapevoli che non ci capiterà mai più una finestra come questa. Far sposare i vantaggi dell’era digitale con la creatività italiana può dare uno slancio incredibile all’occupazione, all’economia, al paese», ha detto ieri il Ministro dei beni culturali Dario Franceschini a suggello degli interessanti interventi dei relatori convenuti per Italia Creativa.

Sul palco del Salone d’Onore si sono alternati due tavoli di discussione, coordinati dal Direttore di SkyTg24, Sarah Varetto. Hanno parlato, insieme con il Ministro e con il Presidente SIAE Filippo Sugar, la Produttrice Indigo Film e Presidente Produttori ANICA, Francesca Cima, il Direttore del Piccolo Teatro di Milano, Sergio Escobar, il Direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco, l’Amministratore Delegato di EY in Italia e Managing Partner dell’Area Med, Donato Iacovone, l’Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori, Ernesto Mauri, l’Amministratore Delegato di Sky Italia, Andrea Zappia. Ha aperto i lavori l’Assessore alla cultura di Milano Filippo Del Corno. 

Sugar ha ricordato la fondamentale importanza della tutela del diritto d’autore, un lavoro contemporaneamente legislativo ed educativo, evidenziando la necessità di “garantire le corrette condizioni di mercato e di contrastare la pirateria e la contraffazione, riconoscendo il giusto compenso a chi opera nel settore con il proprio talento". Zappia ha sottolineato il fatto che “i prodotti italiani, come quelli cinematografici, possono essere venduti in tutto il mondo. Veniamo da anni nei quali abbiamo continuato a importare modelli, ora dobbiamo invertire questa tendenza. L’industria creativa deve diventare attraente”. Preoccupato per le sorti del libro e della lettura in Italia, Mauri, ha ricordato che “il 58% non legge un libro così come non lo fa il 39% della nostra classe dirigente. Occorre trovare una soluzione e come grandi editori dobbiamo mettere al centro dei nostri investimenti proprio la creatività creando un vero e proprio laboratorio di autori”. Da parte sua, Iacovone ha ribadito l’importanza di aumentare il numero dei fruitori attraverso i canali digitali, “una grande opportunità perché possono fare da pre-guida a qualcuno che poi va ad usufruire di un servizio”.

Sul sito www.italiacreativa.eu le interviste integrali agli oltre sessanta personaggi della cultura e dello spettacolo che sostengono Italia Creativa.

Related