Albachiara quarant’anni dopo, l’omaggio di SIAE a Vasco Rossi
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Albachiara quarant’anni dopo, l’omaggio di SIAE a Vasco Rossi

Il 7 agosto di quarant’anni fa Vasco Rossi depositava in SIAE la sua canzone “Albachiara” che, con il suo sguardo su un mondo femminile ancora inconsapevole è diventata da subito il manifesto del cambiamento dei tempi, facendo della scrittura del cantautore di Zocca un nuovo modo di raccontare storie.

Ieri il Direttore Generale SIAE Gaetano Blandini e l’Amministratore Delegato di Warner Chappell Roberto Razzini hanno voluto condividere con Vasco Rossi questo importante traguardo consegnandogli proprio il deposito di “Albachiara” poco prima dell’inizio del concerto a San Siro, come sempre pieno.

“Questa è la riproduzione del bollettino che hai depositato quarant’anni fa in SIAE, con la tua firma e le tue note – ha detto Blandini – È un omaggio a nome di tutti i nostri associati che non sono tutti Vasco Rossi, ma vivono di musica. Come dice un tuo collega autorevole, Ennio Morricone, per fare bene il vostro mestiere bisogna avere talento, durata e passione e tu hai tutto questo”.

“Noi siamo gli editori di ‘Albachiara’ – ha aggiunto Razzini – e ci sembrava giusto omaggiarti per questo grande successo che hai regalato a tutti noi”.

“E’ splendido” ha commentato Vasco Rossi, un po’ sorpreso ma sicuramente contento del riconoscimento ad uno dei suoi grandi brani, trasformato ormai in leggenda.

 

 

In foto: un momento della consegna della riproduzione del deposito SIAE di 'Albachiara'. Vasco Rossi insieme con l'Amministratore Delegato di Warner Chappell, Roberto Razzini, e il Direttore Generale di SIAE, Gaetano Blandini.