AL TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA LA DANZA DELL'HERITART FESTIVAL
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

AL TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA LA DANZA DELL'HERITART FESTIVAL

Continuano gli appuntamenti al Teatro Romano di Ostia Antica nell'ambito dell'Ostia Antica Festival - Il Mito e il Sogno. Venerdì 13 e sabato 14 luglio è di scena la prima edizione dell’Heritart Festival, progetto europeo che ha l’obiettivo di promuovere e sostenere il patrimonio culturale attraverso la trasmissione di una nuova visione dei siti archeologici, intesi come un vero e proprio bene prezioso per lo sviluppo culturale dell'Europa.

La mini rassegna proporrà venerdì la performance di danza contemporanea Sheltering Sea con CNT Split Ballet ensemble. Il tema è il Mar Mediterraneo, melting pot di culture e idee intrecciate: i destini comuni delle persone che vivono lungo le coste del Mediterraneo sono la storia centrale dello spettacolo con le coreografie Igor Kirov, con il Croatian National Theatre Split Ballet ensemble su musiche del Balanescu Quartet e Alva Noto, in scena venerdì alle 21.

Il 14 luglio alle 19 sarà la volta di Mediterraneo Suite, una performance itinerante tra le rovine di Ostia Antica con musiche delle culture del Mediterraneo a cura di Daniele Cipriani e Stefania Di Cosmo Maitre du Ballet, danzate da Andrea Caleffi, Valentina Chiulli, Marco Fagioli, Ilaria Grisanti, Davide Pietroniro e Mattia Tortora. Alle 21, con il sostegno del MiBACT e di SIAE nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, dopo una lunga tournèe estiva, arriva al Teatro Romano di Ostia Antica Mediterranea, il balletto italiano che ha conquistato il mondo.

Questa produzione vede il Corpo di Ballo di Daniele Cipriani Entertainment, costumi di Roberto Tirelli e luci di Carlo Cerri. Quindici i ballerini impegnati in unanavigazione immaginativa costruita su un collage di musiche di Mozart, Ligeti e Palestrina, insieme a musiche dei paesi mediterranei, con momenti d’insieme alternati a passi a due.

Foto di Cristiano Castaldi

Related