Al via Piano City Milano 2017, una città che suona
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Al via Piano City Milano 2017, una città che suona

Da oggi e per tre giorni Milano trova nelle note di centinaia di pianoforti la sua colonna sonora. Con i suoi 450 concerti, torna infatti Piano City Milano, giunta alla sesta edizione. Per la prima volta i pianisti arriveranno anche fuori porta, con concerti in provincia e regione, oltre i confini geografici e sempre al centro dello spirito della manifestazione. Grazie ai tantissimi appuntamenti prodotti direttamente dal festival, con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, tra concerti, lezioni di piano, tributi a grandi maestri, nuove esecuzioni, pianisti semoventi o stanziali, chiunque potrà esplorare Milano, scoprire i suoi luoghi, dai grandi spazi già noti ai cortili, alle case e ai giardini fino a ieri sconosciuti, addentrandosi nei suoi tanti quartieri a misura d'uomo.

Ad inaugurare questa edizione sarà Chilly Gonzales, pianista e produttore canadese capace di muoversi tra musica classica, rap ed elettronica. Ha collaborato con artisti come Jarvis Cocker, Peaches, Mocky, Feist, e ha vinto un Grammy Award con i Daft Punk; è inoltre entrato nel Guinness dei primati per il concerto come solista più lungo della storia musicale (27 ore, 3 minuti e 44 secondi). Chilly Gonzales si esibirà venerdì sera sul main stage della GAM Galleria d'Arte Moderna – Villa Reale con un concerto di brani tratti dall'album Piano Solo II e presentati in PianoVision: una proiezione video in tempo reale con riprese che inquadrano solo le sue mani e i tasti del pianoforte.

Molte novità assolute prodotte quest'anno da Piano City per il pubblico di Milano. Per chi vuole andare alla scoperta del mondo che si cela dietro le note, l’edizione 2017 offre le Piano Lesson, un’occasione per addentrarsi lungo i magici sentieri della musica grazie ai consigli offerti al pianoforte dai grandi maestri. Al Teatro dell'Arte, in collaborazione con Corriere della Sera, si svolgeranno sei incontri aperti a tutti – dal semplice appassionato all'aspirante pianista al musicista affermato – per conoscere le storie, le tecniche, i trucchi del mestiere. Il primo appuntamento sabato 20 alle 11 non poteva che essere con Chilly Gonzales, che da anni si prefigge di riportare alla musica chi ha abbandonato la pratica del pianoforte, tanto da aver dedicato i suoi Re-Introduction Etudes ai musicisti che si sono arresi e ai pianisti alle prime armi.

Piano City Milano appare sempre più come un palcoscenico di creazioni originali pensate appositamente per il festival. A Michael Nyman è stata commissionata una nuova versione di The Otherwise Very Beautiful Blue Danube Waltz, ripensata per cinquanta Toy Piano, che coinvolgerà i più piccoli in una performance spettacolare. Numerosi i bambini che potranno suonare la sua musica con i pianoforti giocattolo: gli appuntamenti con Nyman e i Toy Pianos infatti sono sei: sabato e domenica alle 12, alle 16 e alle 18, sempre al Piano Center, in collaborazione con Ricordi Music School.

Daniele Lombardi (celebre la sua sinfonia per 21 pianoforti eseguita a Ground Zero in memoria delle vittime dell'11 settembre) ha composto per questa edizione del festival Sembrava una nuvola, per cinque pianoforti, ispirata a Perelà, l’uomo di fumo protagonista della famosa favola di Aldo Palazzeschi. La prima esecuzione assoluta sarà domenica 21 alle 20 a City Life, piazza Tre Torri. Al termine del concerto, verrà presentata anche una versione per soli pianoforti del concerto di Johann Sebastian Bach per quattro tastiere e orchestra BWV 1065, ai pianoforti Maria Clementi, Gianluca Luisi, Vittorio Rabagliati e Elena Lasala.

Altra novità assoluta A landscape in my hands, composizione originale della giovane Daniela Terranova eseguita dalla pianista Anna D'Errico, in programma sabato 20 alle 16 a Santeria Social Club.

Da Beethoven a Glass, da Scott Joplin ai Beatles, le note dei giganti della musica risuoneranno in tutta la città grazie a concerti speciali pensati come veri e propri omaggi alla loro opera.

Tra i classici e imperdibili appuntamenti di Piano City Milano, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, la musica del pianoforte arriva in luoghi non convenzionali: musiche jazz, pop, rock e contemporanee, da David Bowie, ai Queen e ai Depeche Mode, risuoneranno in spazi inediti come banche e musei.

Gli House Concert e i Concerti in cortile sono da sempre il cuore e l'appuntamento più intimo del programma di Piano City Milano. Oltre 60 concerti arricchiscono il palinsesto di questa edizione grazie ai tanti milanesi che hanno voluto partecipare attivamente mettendo a disposizione case e cortili privati. Tra i protagonisti di questi appuntamenti Sasha Puskin, Federico Nicoletta, Jonas Aumiller, Pietro Cavedon, Vincenzo Culotta con Katarzuna Preisner, Federico Bricchetto, Zharko Paunov.

Per la prima volta la musica di Piano City Milano entra nella chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, che si alternerà con il Civico Museo Archeologico per ospitare una domenica di concerti in collaborazione con Casio e il Touring Club Italiano. Nella “Cappella Sistina Ambrosiana” grazie al programma Aperti per voi del Touring Club spazio per classica, contemporanea, jazz ed improvvisazione con artisti come Max Tempia e Kristine Brattle. Tra i luoghi inediti di questa edizione anche l'Albergo Diurno Venezia, con una maratona di concerti, domenica 21 dalle 10 alle 20, a cura del Conservatorio di Musica "G. Verdi" di Milano e in collaborazione con il FAI. I Bagni Misteriosi (ex piscina Caimi), recentemente restituiti alla città dopo una lunga opera di riqualificazione, ospitano una rassegna di concerti tutta al femminile, con Roberta di Mario, Maria Cefalà e Maddalena Giacopuzzi.

La prenotazione per gli House Concerts e i Concerti in cortile avviene attraverso il sito di Piano City Milano, dove è possibile trovare anche le modalità di partecipazione agli altri concerti.

Related