Al via oggi "Creuza de Mà", il festival che da undici anni unisce musica e cinema
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

Al via oggi "Creuza de Mà", il festival che da undici anni unisce musica e cinema

Prende il via oggi pomeriggio al Cavallera di Carloforte l’undicesima edizione di Creuza de Mà, il festival ideato e diretto dal regista Gianfranco Cabiddu. La rassegna, che riceve il contributo di SIAE, indaga nelle relazioni tra musica e cinema con film, documentari, concerti, incontri e masterclass, offrendo un cartellone itinerante secondo la formula collaudata lo scorso anno: dal 27 al 29 ottobre nel paese dell’Isola di San Pietro, dal 2 al 5 novembre a Cagliari.

Il programma di questo primo weekend di festival, che richiama nel suo nome il titolo della canzone di Fabrizio De André, dedica l’intera giornata di sabato ad Armando Trovajoli, omaggiando il musicista e compositore romano, autore di celebri colonne sonore per il cinema con la prima nazionale di "Armando Trovajoli, cent'anni di musica", il documentario di Mario Canale e Annarosa Morri che ripercorre attraverso interviste, ricordi e aneddoti i momenti salienti della lunga carriera del Maestro costellata di incontri e sodalizi importanti, come quello con uno dei più grandi pianisti del Novecento, Arturo Benedetti Michelangeli, ma anche con registi come Vittorio De Sica e Ettore Scola.

A seguire, il concerto Armando Trovajoli, la musica tra teatro e cinema: una produzione originale in prima assoluta di Creuza de Mà, con la direzione della pianista Rita Marcotulli e con Luciano Biondini alla fisarmonica, Daniele Tittarelli al sax, Ares Tavolazzi al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria.

La recente filmografia di due autori sardi chiude domenica 29 ottobre al Cavallara la prima tranche della rassegna: Bepi Vigna presenta alle 17,30 il suo film di animazione Nausicaa – L’altra Odiessea; a seguire alle 18, proiezione di L’accabadora di Enrico Pau.

Dal 2 al 5 novembre, Creuza de Mà si sposta a Cagliari tra workshop, proiezioni e concerti nel Conservatorio "Giovanni Pierluigi da Palestrina". L’incontro di Michele Mellara e Alessandro Rossi con musiche di Beppe Tranquillino, Che fine faranno – lettera aperta al Presidente della Repubblica, un cortometraggio diretto da Giovanna Taviani e Davide Gambino con musiche di Giuliano Taviani, Babylon Sisters, per la regia di Gigi Roccati con musiche di Peppe Voltarelli, MaLaMènti di Francesco Di Leva, sono solo alcuni dei titoli che si intersecano con i numerosi incontri per addetti ai lavori e non.

Sabato 4 e domenica 5 novembre, durante gli ultimi giorni del festival, è di scena la rassegna Napoli e i suoi mille colori, sezione speciale del festival dedica alla città partenopea e al suo rapporto privilegiato con la musica per il cinema. 

Qui il programma completo.

 

Related