OGGI AL CARCERE MINORILE DI MILANO LA LIRICA INCONTRA I RAGAZZI PER L'"OPERA... AZIONE LIBERTÀ!"
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

OGGI AL CARCERE MINORILE DI MILANO LA LIRICA INCONTRA I RAGAZZI PER L'"OPERA... AZIONE LIBERTÀ!"

Grande successo di pubblico per OPERA... azione Libertà!, il progetto didattico lanciato da SIAE e Federazione Autori per unire tre mondi: l’opera lirica - ambito in cui gli autori italiani hanno una tradizione d’eccellenza - i ragazzi delle scuole elementari del Comune di Milano e i giovani detenuti del carcere minorile Beccaria. 

Oggi saranno due invece che la sola prevista per questa mattina le rappresentazioni dello spettacolo Belli, ricchi e cattivi... all'opera, che avrà come palcoscenico il nuovissimo Teatro annesso all’Istituto di pena. Nel pomeriggio si replica per il giovanissimo pubblico composto da bambini e ragazzi dai 6 ai 10 anni.

Patrocinato dal Ministero di Giustizia, il progetto nasce da un’idea dell’Avv. Maria Grazia Maxia, Presidente della Federazione Autori e Consigliere di Sorveglianza SIAE, ed è sviluppato da Cristina Bersanelli, musicista e autrice di libri didattici dedicati ai bambini sull’opera lirica, dal regista e autore teatrale Davide Garattini Raimondi e dalla discografica e vocal coach Chiara Bella.

La prima edizione di OPERA... azione Libertà! ha preso il via lo scorso 6 settembre all’Istituto penale minorile “Cesare Beccaria” di Milano con un corso di introduzione alle opere, ai libretti e alle vite dei compositori dal titolo “Tre vite Rock”. Al termine degli incontri ai ragazzi è stata proposta la partecipazione a un laboratorio finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo per bambini sul magico mondo della lirica, in un ideale passaggio di testimone tra giovanissimi. Hanno aderito 14 ragazzi tra i 14 e i 25 anni, che partecipano al laboratorio (di 6 ore a settimana) e che a breve diventeranno protagonisti dell’allestimento: attori, assistenti alla regia, alle luci e ai costumi.

Belli, ricchi e cattivi... all'opera, frutto di tre mesi di lavoro, vede Iago, Don Giovanni e Scarpia sfidarsi a chi ha compiuto le gesta più atroci. Le scene e gli oggetti sono stati realizzati dalla falegnameria del carcere, mentre il celebre atelier teatrale Brancato ha fornito i costumi di scena gratuitamente.

 

Related