a 100 anni dalla nascita di rodari, un restauro d'autore per "la freccia azzurra" di d'alò
CondividiShare this article Google+ Facebook twitter Email

a 100 anni dalla nascita di rodari, un restauro d'autore per "la freccia azzurra" di d'alò

Per celebrare i 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari, grazie al sostegno di SIAE in collaborazione con Cineteca Nazionale, Biblioteche di Roma e Lanterna Magica, Alice nella città riporta sul grande schermo “La Freccia Azzurra” di Enzo D’Alò (1996), intramontabile capolavoro del cinema d’animazione liberamente tratto dal racconto di Rodari del 1954.

Le proiezioni – ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti - avverranno a Roma, Lunedì 2 dicembre 2019 al Teatro San Raffaele del Trullo: appuntamento alle 14 per gli studenti delle scuole del quartiere, eredi dei “trullini” tanto cari a Gianni Rodari, e alle 20.30 per inaugurare il calendario delle celebrazioni e dei festeggiamenti in occasione dell'anno rodariano che sta per cominciare. Tanti saranno nel 2020, i tributi dedicati al ‘Maestro della fantastica’.

La pellicola è presentata in versione restaurata in 2K: dai negativi originali è stato possibile ottenere, attraverso un completo restauro delle immagini e del sonoro, una nuova copia digitale.

“A distanza di 65 anni dalla sua nascita, il racconto sa parlare con poesia e semplicità ai bambini di oggi esattamente come a quelli di allora – dichiarano Maria Fares e Roberto Baratta produttori di Lanterna Magica -. La sua trasposizione cinematografica risale al 1996, il film, suggestivo e intenso, è amato da bambini di ogni età. Aver restaurato e dato nuova vita alla pellicola ci sembra un’operazione perfetta soprattutto in considerazione di quando ciò avviene, nel centenario della nascita di Rodari e non solo come omaggio all’autore e alla sua favolistica, ma anche per il ruolo importante che “La Freccia Azzurra” ha avuto nella cinematografia italiana avendo riportato il cinema di animazione nazionale nelle sale”, con protagonisti d’eccezione: la meravigliosa colonna sonora è di Paolo Conte, le voci di Dario Fo e di Lella Costa.

Continua così il lavoro che Alice nella città dedica ai classici contemporanei, ai film del passato restaurati e riproposti ai ragazzi per la loro forza e attualità.

Dopo Mignon è partita di Francesca Archibugi (1988), La fine del Gioco di Gianni Amelio (1970), Compagni di scuola di Carlo Verdone (1988) e Come te nessuno mai di Gabriele Muccino (1999).

Per questo, a pochi mesi dal centenario dalla nascita di Gianni Rodari: “Insieme alle Biblioteche di Roma, abbiamo immaginato – dichiarano Gianluca Giannelli e Fabia Bettini Direttori Artistici di Alice nella città - d’inaugurare il progetto Lunedì 2 dicembre partendo dal Teatro San Raffaele di Roma per rinnovare un appuntamento con le scuole del Trullo, eredi degli scolari della signorina Maria Luisa Bigiaretti tanto cari a Gianni Rodari”.

Ricordiamo Gianni Rodari - dichiara il presidente delle Biblioteche di Roma, Paolo Fallai - perché è uno degli autori più importanti della nostra letteratura e perché ha speso la sua vita per abbattere ogni barriera che limitasse la creatività, ogni muro che recintasse il pensiero, ogni luogo comune che mortificasse le parole. Abbiamo il dovere di raccontare Gianni Rodari alle generazioni che hanno la fortuna di poterlo leggere e la sfortuna di non poterlo conoscere”.

Il lavoro proseguirà durante l’anno, grazie all’iniziativa Scelte di classe - Cinema a Scuola che da tre anni Alice nella città conduce nell’ambito del Piano Nazionale del Cinema per la Scuola, promossa dal Miur e dal Mibact.

La Freccia Azzurra di Enzo D’Alò, sarà inserito nel catalogo 2020 delle proposte didattiche dei più piccoli a cui gli insegnanti potranno attingere per accompagnare i ragazzi al cinema per riscoprire un classico dell’animazione contemporanea a cui si affiancheranno incontri e laboratori che apriranno terreni di confronto, spunti per discussioni in classe e al cinema.

Related