Diritto di "pentimento"

E’ il diritto di ritirare l’opera dal commercio in caso di gravi ragioni morali (art. 142-143 L.d.A.), che possono comprendere sia motivi di ordine etico che intellettuale, politico e religioso, sia le ipotesi in cui l’opera contrasti con la mutata personalità dell’autore.

Questo diritto si applica anche solo per particolari versioni dell’opera e nel caso di opere derivate dall’originale. 

Il creatore dell’opera ha comunque l’obbligo di rimborsare le spese sostenute da coloro che abbiano acquistato i diritti di riproduzione, diffusione, esecuzione o rappresentazione dell’opera.