Lavora con noi

SIAE è sempre alla ricerca di brillanti studenti provenienti da università e conservatori in tutta Italia. 

Come iniziare la vostra carriera

Il tirocinio consiste in un periodo di orientamento al lavoro e di formazione. Esso non si configura come un rapporto di lavoro subordinato ma consiste in una misura formativa di politica attiva permettendovi di vivere temporanee esperienze all’interno di dimensioni lavorative per favorire una conoscenza diretta della dimensione “lavoro”. 

Come si attiva e struttura lo strumento del tirocinio

Per realizzare un tirocinio formativo è necessaria una convenzione tra l’ente promotore (università, scuole superiori - pubbliche e private - provveditorati agli studi, agenzie per l'impiego, centri pubblici di formazione professionale e/o orientamento, fondazioni dei consulenti del lavoro, comunità terapeutiche e cooperative sociali, servizi di inserimento lavorativo per disabili, istituzioni formative private non a scopo di lucro) e la SIAE, corredata da un progetto formativo redatto dal soggetto ospitante e dal tirocinante.

Tipologie di tirocinio

Tirocini “curriculari”, quelli inclusi in un processo di apprendimento formale svolto all’interno di piani di studio delle università e degli istituti scolastici.  Questa tipologia di tirocinio serve ad affinare il processo di apprendimento attraverso l’alternanza scuola/lavoro. Rientrano in tale categoria i tirocini attivati da parte di Università o altri istituti universitari abilitati al rilascio di titolo accademici, istruzione scolastica che rilascino titoli aventi valore legale, centri di formazione professionale operanti in regime di convenzione con Provincia o Regione. Il soggetto che vuole iniziare un tirocinio formativo curriculare deve essere uno studente iscritto al corso di studio attivato da chi promuove il tirocinio medesimo.

Tirocini “extra curriculari”, quelli finalizzati ad agevolare le scelte professionali dei giovani nella fase di transizione dalla scuola al lavoro mediante una formazione in un ambiente produttivo ed una conoscenza diretta del mondo del lavoro. Appartengono alla categoria dei tirocini non curriculari: i tirocini di reinserimento o inserimento al lavoro mirati ad inserire ovvero reinserire nel mondo del lavoro soggetti privi di occupazione (inoccupati e disoccupati) ma anche lavoratori in mobilità. La disciplina di quest’ultimi spetta integralmente alle Regioni.

L'ISFOL ha pubblicato il "Manuale del tirocinante. Guida pratica al tirocinio extracurriculare" che fornisce informazioni, consigli e suggerimenti utili per scegliere, affrontare, gestire e valorizzare al meglio questo momento di formazione.

Le modalità di reperimento di curricula per l’attivazione di tirocini avviene attraverso diverse modalità:

- tramite l’inserimento del curriculum vitae sul sito SIAE, dopo aver effettuato la registrazione;
- nella Regione Lazio, utilizziamo il sistema JobSoul SISTEMA ORIENTAMENTO UNIVERSITA’ LAVORO, sistema di placement pubblico e gratuito, frutto della collaborazione tra Università della Regione Lazio;
- nelle altre Regioni d’Italia, tramite i portali delle Università dislocate sul territorio.

Normativa:

Legge del 28 giugno n.92 del 2012 

Linee-guida in materia di tirocini 2013

Decreto Legge del 28 giungno n. 76 del 2013

Al momento non sono presenti posizioni aperte

Inviaci la tua Candidatura Spontanea effettuando l'accesso ai Servizi Online di SIAEdopo aver effettuato la registrazione.

I mandatari SIAE svolgono sul territorio assegnato, con autonomia organizzativa e di mezzi, le attività di sportello per la clientela e per l'utenza SIAE. Effettuano, inoltre, vigilanza e controllo nei settori dello spettacolo, dell'intrattenimento e in tutti gli ambiti oggetto delle convenzioni tra SIAE ed Enti Pubblici e Privati.

Tali attività vengono realizzate previa sottoscrizione di specifico contratto di mandato, la remunerazione del quale, onnicomprensiva delle spese sostenute per l’esercizio del mandato, è costituita da provvigioni sugli incassi e da compensi per gli altri servizi conferiti.